Primi nati dell’anno, una per tutti: a Roma un brindisi per Bianca. Unicef: “Oggi nasceranno 1.210 bambini in Italia”

1 Gennaio 2020

Nella corsa a festeggiare il primo nato del 2020, a Roma arriva la notizia dell’arrivo di Bianca, nata nella Casa di cura Santa Famiglia di Roma e presentata come “il primo bebè del 2020 e del decennio, partorita esattamente venti secondi dopo la mezzanotte di Capodanno”. Pesa 3.590 grammi e l’ha data alla luce la mamma Ilaria, 41 anni, di Roma. A festeggiare Bianca con la mamma Ilaria il papà Vincenzo e tutti i medici di turno.

Secondo le stime dell’Unicef, nel primo giorno dell’anno nasceranno 1.210 bambini in Italia, in tutto il mondo 392.078. La metà di queste nascite avverrà in otto Paesi: India (67.385 nuovi nati), Cina (46.299), Nigeria (26.039), Pakistan (16.787), Indonesia (13.020), Stati Uniti (10.452), Repubblica Democratica del Congo (10.247) ed Etiopia (8.493). Ogni gennaio, l’Unicef celebra i bambini nati il giorno di Capodanno, “un buon auspicio per la nascita dei bambini in tutto il mondo”, spiega il presidente di Unicef Italia, Francesco Samengo, ricordando come l’inizio di un nuovo anno e di un nuovo decennio sia “un’occasione per riflettere sulle nostre speranze e aspirazioni, non solo per ciò che ci riserva il nostro futuro, ma anche per il futuro di coloro che verranno dopo di noi”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione