23 Febbraio 2008 Mondo News

L`acqua e la coscienza sporca: Di Pietro e il Ponte sullo Stretto

Il ponte sullo Stretto di Messina non è una priorità ; tuttavia, piuttosto che buttare il bambino con l`acqua sporca, cerchiamo di non pagare 400 milioni di euro di penale”. Lo ha detto a Trapani il ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro. “La mia idea è di realizzare – ha aggiunto – prima le opere pubbliche più importanti e, successivamente, realizzare il ponte”. Di Pietro ha poi detto che le infrastrutture “sono al primo punto del programma di Italia dei Valori”. (ANSA)

BERLUSCONI: RILANCEREMO PONTE SULLO STRETTO

Ripartiremo subito con le grandi infrastrutture e l`alta velocita`, che il governo della sinistra e dei verdi hanno bloccato colpevolmente per due anni. Rilanceremo il Ponte sullo Stretto, i termovalorizzatori, i rigassificatori, e tutte le infrastrutture indispensabili in un Paese moderno, dove non sono piu` ammissibili fenomeni di malgoverno come quello che i cittadini della Campania hanno dovuto e devono subire nello smaltimento dell`immondizia, un`autentica tragica ferita all`immagine internazionale dell`Italia inferta dalla giunta di sinistra guidata da Bassolino e dal ministro verde Pecoraro Scanio”.