26 Febbraio 2008 Mondo News

OCCUPAZIONE EX BASE MONTEVERGINE: ASSOLTI CARUSO E NO GLOBAL

AVELLINO – Doppia assoluzione per Francesco Caruso, il parlamentare di Rifondazione comunista, accusato di danneggiamento alle strutture della ex base militare Nato di Montevergine (Avellino). I fatti risalgono al 2002 quando Caruso, che sarebbe stato poi eletto deputato nel 2006, con altri giovani `disobbedienti` dei centri sociali di Napoli, dopo aver reciso la rete metallica occupo` simbolicamente l`area che da tempo era stata sostanzialmente abbandonata per protestare contro la guerra in Iraq. Il giudice monocratico di Avellino, Davide Di Stasio, ha anche dichiarato il non luogo a procedere per l`accusa di imbrattamento: i manifestanti avevano scritto con lo spray slogan pacifisti. Nel corso del dibattimento, sono stati ascoltati come testimoni anche il presidente dei senatori di Rifondazione comunista, Giovanni Russo Spena, e don Vitaliano Della Sala. Assolti anche tre giovani no global di Napoli che vennero denunciati insieme a Caruso per il quale il pm, Isabella De Asmundis, aveva chiesto la condanna a due mesi di reclusione. Francesco Caruso: rioccuperemo in centinaia l`ex base NATO di Montevergine a Pasquetta. Ringrazio il pm De Asmundis per la richiesta di attenuanti per l`alto valore morale dell`azione e il giudice Di Stasio per l`assoluzione. Le ragioni della pace hanno prevalso sulle follie della guerra. Forti di questa sentenza, torneremo ancora una volta a occupare l`ex base nato di montevergine per rilanciare la nostra battaglia a favore del riutilizzo sociale delle aree militari dismesse, perchè vogliamo che la base di Monevergine da fabbrica di guerra e di morte diventi un laboratorio di educazione all`ambiente e alla pace. Quella montagna espropriata da decenni dall`esercito USA deve tornare a disposizione della collettività  e della cittadinanza irpina. Per questo motivo il giorno di pasquetta ci recheremo in centinaia all`interno della base nato per un “pic-nic di lotta”, per una giornata di mobilitazione e di svago contro la guerra, alla quale parteciperanno artisti, cantanti e personalità  importanti del mondo della cultura e dello spettacolo.