3 Giugno 2008 Senza categoria

IL REPORTAGE D`AUTORE: `Ho comprato un clandestino` di Fabrizio Gatti

Ho appena comprato un clandestino. Roy, 31 anni, arrivato cinque anni fa come turista dal Bangladesh, costa meno di un pieno di benzina. Chiede 30 euro a giornata per lavorare come muratore. Anche quattordici ore al giorno, dall`alba a sera tardi. Fanno due euro e 14 centesimi di paga l`ora. Una stretta di mano conclude l`accordo. Senza che lui sappia molto di me né io di lui. Ogni mattina presto Roy appare in piazzale Roma, l`ultimo brandello di strada davanti alla laguna di Venezia. E se nessuno lo chiama nella città  d`arte, torna ad aspettare alla stazione di Mestre. Alla fine dei lavori potrei anche non pagarlo. Potrei prenderlo a schiaffi: se lui fosse così pazzo da chiamare la polizia e beccarsi l`espulsione, rischierei al massimo sei mesi di reclusione. Potrei rubargli il portafoglio: ammesso che mi voglia denunciare, il furto è punito da sei mesi a tre anni. Potrei fargli credere che gli procurerò un permesso di soggiorno in cambio dei suoi risparmi e truffarlo: non rischierei più di tre anni. Potrei essere lo sgherro di un`associazione a delinquere e sfruttarlo: la mia condanna partirebbe comunque da un anno. Sempre meno di quanto rischierà  Roy quando verrà  approvato il disegno di legge sul reato di immigrazione clandestina: fino a quattro anni di carcere, per essere semplicemente un muratore. Perfino una parte autorevole dei vertici di carabinieri e polizia sostiene che è anche colpa della legge firmata nel 2002 da Umberto Bossi e Gianfranco Fini, se in Italia ci sono tanti clandestini: perché restringe all`infinito le possibilità  di ingresso, punisce i lavoratori stranieri non in regola e garantisce sempre una via d`uscita indolore ai datori di lavoro che li sfruttano. È tutto scritto in un rapporto riservato, consegnato al ministero dell`Interno nell`ottobre 2006, all`indomani dell`inchiesta de `L`espresso` sulla schiavitù e il caporalato in Puglia. L`analisi riguarda le condizioni degli stranieri in tutta Italia. “Sono gli imprenditori, che si avvalgono dell`intermediazione abusiva, i soggetti principali che avviano questo sistema di illegalità “, denuncia il rapporto, “incentivati sia dai maggiori profitti derivanti dal lavoro nero, e dunque dalla mancata regolarizzazione delle posizioni lavorative, sia dalla celerità  e dalla flessibilità  con le quali possono essere soddisfatte le richieste di manodopera”. Lo studio suggerisce di introdurre sanzioni per i datori di lavoro, oltre che per intermediari e caporali. È firmato dall`allora vicecapo della polizia, Alessandro Pansa, diventato poi prefetto a Napoli, che presiedeva la commissione formata anche dal generale di brigata dei carabinieri, Salvatore Scoppa, e dal colonnello Luciano Annichiarico, responsabile del comando carabinieri per la tutela del lavoro. Il dossier è puntualmente scomparso in un cassetto. Prima per l`instabilità  del governo di Romano Prodi. Ora per le decisioni diametralmente opposte annunciate da Silvio Berlusconi e dal ministro dell`Interno, Roberto Maroni. Altro che badanti da salvare. La visione coloniale, secondo cui l`immigrazione da regolarizzare è soltanto la servitù di casa, esclude dalla legalità  una parte importante dell`economia italiana. Lavoratori che, pur non essendo in regola con i documenti, partecipano attivamente al nostro prodotto interno lordo. Dati di Unioncamere: il 9,2 per cento del Pil italiano deriva dal lavoro degli stranieri, regolari e irregolari. L`agricoltura che riempie le nostre tavole di frutta e verdura ne è un esempio: il 95 per cento dei braccianti stranieri in Sicilia, Calabria, Campania, Puglia e Lazio è ingaggiato senza contratto di lavoro e più dell`80 per cento è senza permesso di soggiorno. Lo denuncia il dossier `Una stagione all`inferno` presentato a metà  maggio dalla missione in Italia di Medici senza frontiere. È l`aggiornamento di un`inchiesta pubblicata nel 2005 sull`agricoltura al Sud. “Dopo tre anni”, spiega Loris De Filippi, responsabile delle operazioni di Msf, “abbiamo constatato che nulla è cambiato”. Pochi giorni fa l`Istituto nazionale di economia agraria, ente di ricerca del ministero per le Politiche agricole, ha quantificato il numero di lavoratori stranieri nel settore: 150 mila, di cui 70 mila al Nord. Nel 1995 erano 30 mila in tutta Italia. Non esistono censimenti sui clandestini e solo queste cifre permettono di stimare il numero di lavoratori non in regola sfruttati nell`agricoltura. Secondo i dati consegnati dai carabinieri al ministero, sui 22 mila 295 stranieri occupati nelle aziende agricole controllate in Italia nel primo semestre 2006, il 24,21 per cento era senza permesso di soggiorno: significa che dalla Sicilia al Friuli i clandestini ingaggiati come braccianti sono più di 36 mila. Così se un giorno il governo volesse eliminare il lavoro irregolare in agricoltura attraverso il reato di immigrazione clandestina, dovrebbe far arrestare 36 mila lavoratori. E trovar loro posto nelle carceri già  affollate da 48.600 persone. Senza contare il costo della detenzione e delle espulsioni: servirebbero almeno 103 voli a pieno carico di Boeing 747 per riportare tutti ai Paesi d`origine. Dovremmo poi dire addio più o meno al 24 per cento della produzione agricola italiana. Pomodori e uva marcirebbero sulle piante, i prezzi di vino, formaggi e verdure correrebbero più del petrolio. La carta e l`inchiostro per stampare i permessi di soggiorno costerebbero sicuramente molto meno. “Ma gli imprenditori non rinunceranno alle braccia a basso costo”, spiega l`avvocato di Milano, Domenico Tambasco, esperto di diritto dell`immigrazione: “L`economia sostituirebbe gli espulsi con altri lavoratori irregolari. Altri migranti passerebbero le frontiere lungo le rotte più pericolose. E poiché è impensabile l`espulsione di decine di migliaia di persone, la nuova legge spingerebbe i lavoratori a vivere da latitanti, a nascondersi. A essere ancora più schiavi. Ci vorrebbe uno sciopero di tutti gli immigrati: solo così emergerebbe il vero peso dell`immigrazione nel sistema economico nazionale”. Il carcere non è comunque una novità : la legge già  prevede la detenzione fino a quattro anni per i clandestini sorpresi una seconda volta. “Prima dell`indulto”, ricorda l`avvocato di Padova, Marco Paggi, “il 25 per cento della popolazione penitenziaria era composto da stranieri detenuti unicamente per non aver rispettato il decreto di espulsione”. L`edilizia è un altro settore di grande sfruttamento. Il rapporto di polizia e carabinieri consegnato al ministero dell`Interno rivela che su 2943 imprese controllate in Italia nel 2006, ben 2004 avevano violato le norme di assunzione del personale straniero e 45 erano completamente sommerse. Perfino nel Nord-Est, modello dell`economia rampante e xenofoba che piace alla destra nazionale, i clandestini hanno ormai una funzione insostituibile. “La presenza di lavoratori irregolari”, spiega Stefania Bragato, del Consorzio per la ricerca e la formazione, “varia dal 24 per cento della provincia di Rovigo, al 22 della provincia di Venezia, al 20 di Verona, scendendo al 15 di Treviso. Una media intorno al 18 per cento”. Certo, colpire i datori di lavoro vorrebbe dire essere disposti ad arrestare decine di industriali nel Veneto leghista dove, secondo dati raccolti anche dalla Cgil, l`impiego di clandestini nella filiera produttiva del tessile sale al 27 per cento. Oppure ammanettare le migliaia di casalinghe anziane che, alla ricerca di una badante, una colf o un muratore per piccoli lavori, non ne vogliono sapere di pagare uno straniero a posto con documenti, assicurazione e bollettini. “Il paradosso è che un clandestino trova lavoro più facilmente di un regolare. Vengono perfino qui a chiedere come fare”, dice Leonardo Menegotto, responsabile immigrazione della Cgil di Mes
tre: “Rifiutano i regolari perché, dicono, vogliono essere messi a contratto. Io rispondo che queste informazioni non le diamo”. La denuncia nel rapporto riservato di polizia e carabinieri è un`accusa senza alibi: “Il lavoro nero e l`economia irregolare, per dimensioni e pervasività , hanno assunto la configurazione di una componente strutturale del sistema produttivo nazionale… Le sanzioni previste dalla legge Biagi sono inadeguate a fronteggiare il fenomeno nel suo complesso… Il ricorso diffuso al lavoro nero rende scarsamente efficaci anche i meccanismi sanciti dalla normativa prevista per i flussi di ingresso di stranieri”. Da sempre le quote non rispondono alle esigenze dell`economia. Ma nessun governo, nemmeno di centrosinistra, si è adeguato. Così quest`anno si è toccato un altro record: 758 mila dichiarazioni di assunzione per appena 170 mila permessi stabiliti dal decreto flussi. Il risultato è catastrofico. Soprattutto al Sud dove la paura e l`insicurezza sono sentimenti quotidiani per migliaia di braccianti. Il 64 per cento vive in case abbandonate senza acqua. Il 62 senza servizi igienici. Il 92 per cento senza riscaldamento. Ad Alcamo, in Sicilia, il Comune ha allestito un dormitorio per i lavoratori stagionali stranieri. Ma la legge impedisce di accogliere clandestini. Mentre gli agricoltori del posto vogliono soprattutto clandestini. “Lo scenario è dei più impressionanti”, è scritto nel rapporto di Medici senza frontiere, “il 39 per cento dei lavoratori dorme per le strade cittadine, il 27 in case abbandonate, il resto arrangiato in tende nei campi limitrofi”. Una sera di ottobre a Gioia Tauro, in Calabria, viene investito Mamadou, 18 anni, bracciante emigrato dal Mali: dopo un mese con una ferita infetta alla coscia sinistra “al pronto soccorso gli operatori sanitari dichiarano di curarlo a titolo di favore. L`ortopedico non è presente, la gamba è dolorante e gonfia. Il paziente viene dimesso senza aver consultato lo specialista, senza bendatura di supporto e senza terapia”. L`Italia è spietata e cinica anche con chi è in regola. Abdou, 32 anni, laurea in lettere presa in Senegal, parla italiano, francese, inglese e capisce lo spagnolo. Lavora come assistente del direttore commerciale in un ditta a Pordenone. Potrebbe girare il mondo e fare carriera. Nell`aprile 2007 ha chiesto il rinnovo del suo permesso di soggiorno. Data dell`appuntamento in questura, per la foto segnaletica come fosse un delinquente: febbraio 2009. Il permesso lo riceverà  dopo altri quattro mesi di attesa: “Spero”, sorride, “intanto non posso uscire dall`Italia. Questa è una discriminazione”. Abdou chiede di non rivelare il suo cognome. Per paura. Ogni settimana 22 mila stranieri presentano alle poste la richiesta di rinnovo del soggiorno. E aspettano la convocazione in questura: “Qui a Treviso non rispondono nemmeno perché il sistema informatico non è tarato per fissare appuntamenti nel 2010”, avvertono agli sportelli immigrazione in città . Proprio in questi mesi stanno entrando in Italia gli stranieri del decreto flussi 2006. Dopo due anni molti trovano che i loro datori di lavoro sono nel frattempo falliti, si sono trasferiti o sono morti. A loro le prefetture concedono permessi provvisori di sei mesi: verranno convocati tra un anno e mezzo, per ritirare un documento già  scaduto da un anno. Roy, il muratore bengalese, confessa che adesso ha paura di essere buttato fuori di casa. Ha saputo del decreto che da lunedì prevede la confisca degli appartamenti affittati agli stranieri senza permesso di soggiorno: “Dormo con quattro connazionali in regola. Mi hanno detto che devo trovarmi un altro posto”. Può essere l`inizio di un assalto che porterà  gli squali immobiliari a riappropriarsi a prezzi stracciati di interi quartieri storici. Il decreto non sembra così innocente: negli uffici dei broker di Milano si parla di appartamenti di cinesi, egiziani e peruviani che saranno confiscati e messi all`asta. Mentre migliaia di lavoratori clandestini già  si chiedono dove andranno a dormire il prossimo inverno.