STRATEGIE MILITARI, L'INCHIESTA DI A. MAZZEO: Nasce 'AFAFRICA', la forza aerea USA per il continente africano

Sembrano proprio voler fare sul serio le forze armate USA in Africa. A dodici anni dalla sua disattivazione, torna in vita il 17th AF (Seventeenth Air Force), il 17° Stormo dell’Aeronautica Militare degli Stati Uniti d’America. E assume il nome altisonante di “AFAFRICA” e la direzione della neocostituita componente aerea statunitense per il continente africano. Il 17° AF è divenuto operativo meno di un mese fa presso la grande base aerea di Ramstein, Germania, agli ordini del nuovo comando per le operazioni nel continente africano, Africom. “Si tratta di 400 militari dell’US Air Force che stanno già ricevendo un primo addestramento specifico per contribuire al robusto programma di cooperazione alla sicurezza, secondo la visione strategica del Comando USA per l’Africa”, ha commentato il colonnello Keith Cunningham del 17th Air Force. “Prevediamo di raggiungere una piena capacità operativa tra il 2009 e il 2010, ma già adesso siamo l’elemento guida per le operazioni aeree di Africom”. Noto per aver coordinato negli anni ’80 l’installazione in tre basi europee dei GLCM (Ground Launched Cruise Missile), i missili Cruise a capacità nucleare – tra queste quella di Comiso, in Sicilia -, il 17th Air Force avrà adesso come principale funzione il trasporto aereo di uomini, mezzi e armamenti dall’Europa al continente africano. Il 17° Stormo dell’US Air Force si è dotato di una struttura organizzativa interna basata sul neocostituito 404th Air Expeditionary Group e sul 42nd Expeditionary Airlift Squadron, squadrone di trasporto aereo proveniente dalla base aerea di Maxwell-Gunter, Alabama. Quest’ultimo gruppo di volo vanta numerosi interventi nei più recenti scacchieri di guerra internazionali. Durante la prima guerra del Golfo, i suoi bombardieri B-52 eseguirono per 960 missioni contro l’Iraq, sganciando in soli 44 giorni oltre 12,588,766 libre di bombe. Il 42° Squadrone USA è inoltre operativo in Africa già da alcuni anni, avendo effettuato diverse missioni a favore della “Combined Joint Task Force – Horn of Africa”, la speciale forza operativa che Washington ha insediato a Gibuti. Lo squadrone ha pure partecipato ad esercitazioni multinazionali come la “Flintlock” in Mali e la “Enduring Freedom – Trans Sahara” in diversi paesi dell’africa settentrionale e occidentale. AFAFRICA ha già ricevuto in dotazione due velivoli cargo C-130 “Hercules”, provenienti dalla base aerea di Little Rock, Arkansas, dove, l’1 ottobre 2008 (lo stesso giorno dell’attivazione del Comando Africom in Germania), è stato ricostituito il 19th Airlift Wing. Questo gruppo per il trasporto aereo ha già iniziato ad operare sulle rotte Usa-Europa-Africa, ma non è nuovo nello scacchiere africano. Dal 1955 al 1961 ha operato infatti stabilmente presso le basi aeree marocchine di Sidi Slimane e Ben Guerir. Trasferito successivamente in Arkansas, il gruppo ha assunto i compiti di trasporto aereo e rifornimento, ricoprendo un ruolo determinante nelle invasioni statunitensi dell’isola di Grenada (1983) e di Panama (1989). Dopo l’intervento diretto nella prima guerra contro l’Iraq, il 19th Airlift Wing fu dislocato in alcune basi europee per assicurare il rifornimento in volo dei caccia della Nato durante la campagna militare in Bosnia dell’autunno 1995. Il gruppo rimase operativo in Europa sino alla fine dei bombardamenti USA e Nato contro la ex Repubblica di Yugoslavia (1999). Secondo il Comando della 17^ Forza Aerea USA di Ramstein, già a partire dal prossimo anno i C-130 Hercules saranno sostituiti da una nuova versione del velivolo, il C-130J, dotato di migliore flessibilità e maggiori capacità di trasporto. Ad AFAFRICA sarà pure assegnato uno squadrone operativo con i nuovi aerei da trasporto C-17. “Se si vola dalla Germania e si prende un C-130, sono necessarie diverse soste intermedie durante il trasferimento verso l’Africa”, ha dichiarato il generale Tom Hobbins, in forza al nuovo comando delle forze aeree USA. “Quando però saremo in grado di utilizzare in questo scenario i C-17, si potrà raggiungere lo Zambia senza aver bisogno di rifornirsi in volo. Per l’US Air Force la principale ragione di questo programma di acquisizione di velivoli con raggio d’azione maggiore, è quella di poter offrire un supporto a forze dell’esercito più leggere e più veloci, nelle loro missioni alle basi europee dell’est Europa, e attraverso l’intero continente africano”. In vista del rafforzamento delle proprie responsabilità operative, Air Forces Africa ha pure pianificato di trasferire stabilmente presso la base di Camp Lemonier, Gibuti, gli uomini e i mezzi di un altro gruppo di trasporto aereo, il 449th Air Expeditionary Group. Dotato anch’esso di velivoli C-130 “Hercules”, il 449° Gruppo ha già sostenuto importanti attività logistiche per le forze terrestri USA che operano in Corno d’Africa. Il trasporto non sarà comunque l’unico settore d’intervento di Air Forces Africa. Il Comando del 17th Air Force ha già pianificato per il 2009 la propria partecipazione ad una trentina di esercitazioni addestrative con le forze aeree dei paesi africani partner. Due attività finalizzate alla “promozione della sicurezza aerea nel continente” sono già state realizzate in Marocco e Nigeria nei mesi di ottobre e novembre 2008. “Grazie all’addestramento e all’interazione del personale sosteniamo gli africani nell’edificazione di una sicurezza aerea sostenibile”, ha commentato il generale Ronald R. “Ron” Ladnier, comandante del 17th Air Force USA. “E noi saremo sempre più impegnati ad aiutare i nostri partner in Africa a sviluppare le loro capacità militari”. ANTONIO MAZZEO

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione