CINEMA, IL GIUSTO DOCUMENTARIO-TRIBUTO AD UN GRANDE CARATTERISTA DEL CINEMA ITALIANO: «Lo chiamavano Zacchinetta», video-omaggio a Tano Cimarosa. Il docu-film sulla vita del famoso caratterista messinese, scomparso nel 2008, con le voci di Gemma e Gullotta

30 Dicembre 2010 Culture

PALERMO - La vita dell'attore messinese, il caratterista Tano Cimarosa, diventa un film. «Lo chiamavano Zecchinetta» è il titolo del documentario realizzato dal videomaker Nicola Palmeri che, dal 28 dicembre, è disponibile in versione short in download gratuito e verrà presentato ufficialmente al pubblico il 30 dicembre a Casteltermini (Agrigento) e il 5 gennaio in Calabria, seconda patria di Cimarosa, a Mendicino in provincia di Cosenza. Il docu-film ripercorre la lunga carriera dell'attore attraverso la voce di Gregorio Napoli e le testimonianze di Giuliano Gemma, Nino Frassica, Leo Gullotta, Tony Sperandeo, Tiziana Lodato, Gilberto Idonea, Steve Della Casa, Franco Nero e tanti altri artisti e attori amici di Tano Cimarosa. La colonna sonora è stata realizzata appositamente da Michele Segretario (tastierista della band siciliana Cordepazze). La prima caratterizzazione di rilievo di Cimarosa (all'anagrafe Gaetano Cisco, scomparso nel 2008) è quella del mafioso Zecchinetta ne «Il giorno della civetta» diretto nel 1967 da Damiano Damiani. In seguito compare accanto ad Alberto Sordi nel ruolo del padre di una numerosa famiglia ne «Il medico della mutua», nel ruolo di un emigrato in «Bello, onesto, emigrato Australia sposerebbe compaesana illibata» e infine nel ruolo di una guardia carceraria in «Detenuto in attesa di giudizio». In anni più recenti è stato una presenza costante nei film di Giuseppe Tornatore (Nuovo cinema Paradiso, L'uomo delle stelle, Una pura formalità). Negli ultimi anni è apparso anche in alcuni sceneggiati RAI e Mediaset, tra i quali Don Matteo nel ruolo di zio Carmelo, parente del maresciallo Cecchini (Nino Frassica). «Rimane la testimonianza di un uomo, un puparo, non solo un caratterista - dice Palmeri - ma anche un grande attore siciliano che ha fatto tanto cinema e che ha rappresentato la Sicilia, più di quanto si possa pensare». Il progetto su Tano Cimarosa non è solo un documentario, ma è anche un dvd pieno di altri contenuti tra cui una fotogallery, una sorta di backstage e molti ed interessanti «director's cut».

Fonte: ITALPRESS

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione