DOCUMENTI – PUBBLICHIAMO LA PRIMA PUNTATA DEL PROGRAMMA PIU' LIBERO MAI TRASMESSO DALLA RAI: ALCATRAZ – JACK FOLLA, UN DJ NEL BRACCIO DELLA MORTE

3 Gennaio 2011 Culture

alcatraz

ALCATRAZ Jack Folla, un dj nel braccio della morte - PRIMA PUNTATA

"Che numero sei fratello? Io il 3957, Jack Folla, albatros, e questa notte non dormirò. Mentre tutti festeggeranno il fottutissimo nuovo anno, mi presentero’ in carne e ossa alla tua finestra, a mezzanotte, perchè è tempo di tornare. Chissà x quanto... (Basta mangiare; bere, ingozzarti). Apri gli occhi, amico e guarda il cielo…". Su Radio 2, il ritorno di ALCATRAZ Jack Folla, l’ex -DJ condannato a morte negli Stati Uniti, al quale viene concesso di trasmettere la “musica della sua vita” in un programma radiofonico, torna a sfogare la sua indignazione per il mondo che lo circonda. “Fratello, la cosa assurda non è che sono un italiano nel braccio della morte di un carcere di massima sicurezza degli Stati Uniti. La cosa assurda è che tu stai fuori. Che tutti lì fuori siete liberi e state di schifo. Dov’è la tua libertà, tesoro? Nei lager dei quartieri di merda in cui vi hanno ficcato come bestiame, che cosa vi aspettate di diventare, onorevoli? Vi tengono in vita solo perché dovete comprare. Consigli per gli acquisti? Fanculo. E il tuo primo stipendio – quando si decideranno a dartelo – sarà commisurato all’acquisto dei bisogni che ti hanno sparato nel cervello in televisione. Ti senti morire e che ti offrono? Un Magnum. E lo fanno leccare a una ragazza con una lingua da formichiere. Prova a offrirle un cremino e guarda dove ti manda. Così hai una paura fottuta, ma scherzi e fai finta di niente. Finta di niente. Finta di niente. Tuo padre è alcolizzato, finta di niente. Tua madre muore di cancro, finta di niente, finta di niente. Cazzo, forse ho l’Aids. Finta di niente. Fai l’amore con lei e fai finta di niente, perché non hai più niente dentro, niente, non ti hanno lasciato più niente, ti hanno fottuto, ti hanno sbattuto dentro e hanno gettato le chiavi. Chi di noi due è nel braccio della morte? lo o te? Benvenuto ad Alcatraz, tesoro.” E per la prima volta tutte le puntate saranno disponibili per l'ascolto online e per i vostri download a partire da lunedi 3 gennaio 2011. Dal prossimo 3 gennaio, ogni sera, dal lunedi al venerdi, a mezzanotte, il riascolto di ALCATRAZ – “JACK FOLLA. UN DJ NEL BRACCIO DELLA MORTE”, di Diego Cugia.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione