CINEMA, ADDIO A LIZ TAYLOR. UN MITO VERO: Vinse due Oscar come migliore attrice protagonista. Alla ribalta a 11 anni con «Torna a casa Lassie!». Poi un successo dietro l'altro. Sette mariti e 8 matrimoni

23 Marzo 2011 Culture Reportage

MILANO – Quando muore un’attrice che ha fatto la storia del cinema, è facile dire che si è spenta una stella. Con Elizabeth Taylor la frase non è solo vuota retorica. Con Liz se ne va l’ultima star della grande Hollywood degli anni Cinquanta-Sessanta, quella in grado di far ancora sognare tutto il mondo. L’ultima volta che era comparsa in pubblico è stato alla fine di giugno 2009, ai funerali del suo grande amico Michael Jackson. Dopo si è celata ai riflettori, lei che sotto i riflettori ha passato tutta la sua vita. Mercoledì mattina la notizia della sua morte a Los Angeles a 79 anni, riportata dagli organi d’informazione americani. La famiglia, nel ringraziare i tanti ammiratori che hanno espresso le loro condoglianze, ha invitato a non inviare fiori ma contributi per la ricerca contro l’Aids.

CARRIERA – Nata in Inghilterra il 27 febbraio 1932 da genitori americani, il primo successo lo ottenne a soli 11 anni con il mitico Torna a casa Lassie, ma aveva debuttato al cinema già l’anno prima. Poi passò da un successo all’altro in interpretazioni indimenticabili come Piccole donne (1949), i due film di Vincent Minnelli Il padre della sposa e Papà diventa nonno (1950 e 1951), Un posto al sole (1951). Il suo periodo d’oro fu alla fine degli anni Cinquanta e all’inizio dei Sessanta, con film che hanno fatto la storia del cinema: Il gigante (1955), L’albero della vita (1957), La gatta sul tetto che scotta (1958), Improvvisamente l’estate scorsa (1959), Venere in visone (196o) e Cleopatra (1963). In quest’ultimo film iniziò la sua storia d’amore con Richard Burton, che sposò due volte: la prima nel 1964, divorziarono nel giugno 1974 e poco più di un anno dopo si risposarono per poi lasciarsi nel luglio 1976. In tutto Liz si sposò otto volte con sette mariti e rimase una volta vedova. Dai suoi mariti ebbe tre figli. Elizabeth Taylor ha ricevuto due Oscar come migliore attrice protagonista: il primo per Venere in visone (1960), il secondo per Chi ha paura di Virginia Woolf? (1966). In seguito fece due film di Zeffirelli: La bisbetica domata (1967) e Il giovane Toscanini (1988), il suo penultimo film prima di I Flinstones del 1994.

RICORDI – «Sono molto addolorato. Abbiamo perso una figura memorabile che ho avuto la fortuna di conoscere e di lavorarci in due film. Purtroppo tramontiamo tutti. Con lei muore una diva come non esistono più», ha ricordato Franco Zeffirelli.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione