16 Maggio 2012 Cronaca di Messina e Provincia

POLICLINICO DI MESSINA: La morte del trapiantato di fegato. Sono ventiquattro i medici indagati

Sono ben 24 i medici iscritti nel registro degli indagati per omicidio colposo, tra anestesisti, chirurghi e internisti, nell’ambito dell’inchiesta avviata dalla Procura per il caso della morte di un uomo avvenuta al Policlinico nei giorni scorsi. Si tratta del decesso del medico messinese 64enne Pietro La Maestra, deceduto lo scorso 28 aprile nel reparto di Rianimazione. Ieri pomeriggio è stata eseguita all’Obitorio del Policlinico l’autopsia sul corpo del medico deceduto, dal collegio dei consulenti che il magistrato aveva nominato in mattinata, tutti del Policlinico di Catanzaro: si tratta dei professori Pierantonio Ricci e Santo Gratteri, medici legali, e del prof. Ubaldo Prati, chirurgo. I familiari del medico defunto, che sono assistiti dall’avvocato Maria Fogliani, hanno nominato invece come propri consulenti i medici Giuseppe Bulla e Giovanni Trombatore. Già sono state comunque acquisite dai carabinieri le cartelle cliniche nei luoghi dove l’uomo è stato ricoverato, e alcuni difensori hanno chiesto ieri mattina al magistrato in sede di conferimento dell’incarico per l’autopsia delle integrazioni probatorie, anche in relazione alla permanenza all’Ismett di Palermo (la macchina che ha registrato i parametri vitali). La vicenda sanitaria del dott. La Maestra era infatti iniziata parecchi mesi addietro, quando a gennaio era stato sottoposto ad un intervento di trapianto del fegato all’Ismett di Palermo. Rientrato a Messina, a marzo aveva accusato alcune complicanze ed era stato ricoverato al Policlinico, a quanto pare prima in Chirurgia, poi in Medicina interna, e quando le sue condizioni erano precipitate in Rianimazione. Ma nonostante l’impegno dei medici le complicanze dopo il trapianto di fegato non avevano lasciato scampo al dott. La Maestra, che è spirato lo scorso 28 aprile. Dopo il decesso i familiari, la moglie e i tre figli, avevano sporto denuncia chiedendo di accertare eventuali resposnabilità. (n.a.)