MESSINA, NUOVO SBARCO DI MIGRANTI AL PORTO. LE NOSTRE FOTO: ATTRACCATA NAVE CON 300 PROFUGHI

dg8

dg9

dg10

dg6

dg5

dg3

dg1

dg2

dg4

Con quello di questa mattina gli sbarchi nel porto di Messina arriveranno a quota otto. Trecento circa i migranti che hanno toccato terra in riva allo Stretto dopo essere stati recuperati e tratti in salvo nel canale di Sicilia dai mezzi impegnati nell’operazione Mare Nostrum. Già stabilito dove e come saranno sistemati: più della metà verranno collocati tra la Gasparro e il Pala Nebiolo, svuotato poco meno di 48 ore fa, la restante parte verrà invece trasferita in altri comuni. Il copione d’accoglienza non cambia: dopo i controlli a bordo della nave militare effettuati da parte dei medici dell’Usmaf (Uffici sanità marittima, aerea e di frontiera), allestimento lungo la banchina delle tende dove garantire la primissima assistenza, sanitaria e non, fornita da Croce Rossa, Protezione civile regionale e comunale, e successivo trasferimento nelle suddette strutture per identificazione e foto segnalamento. Non è esclusa la presenza di minori che andranno eventualmente ad aggiungersi ai 27 (questo il dato definitivo in possesso dell’ufficio immigrazione della Questura), arrivati giorno 27, e ai 32 presenti invece al Pala Nebiolo.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione