17 Marzo 2017 Giudiziaria

MESSINA: Bancarotta fraudolenta, chiesta condanna a 10 anni per il noto commerciante Sandro Pesce

La procura ha chiesto la condanna per il noto commerciante, Sandro Pesce, ed altre sei persone nel processo per la bancarotta della “Margan srl”, una società attraverso la quale gestiva diversi negozi di abbigliamento molto conosciuti in città. Chieste anche tre assoluzioni. A vario titolo l’accusa contesta bancarotta, riciclaggio, impiego di denaro o beni di provenienza illecita e favoreggiamento. Il pubblico ministero ha chiesto la condanna a 10 anni per Sandro Pesce, 6 anni e 6 mesi per Vittorio Quagliata, 5 anni e tremila euro di multa per Gaetana Inferrera, 5 anni per Margherita Bagnoli 1 anno per Giancarlo Restuccia e 2 anni per Luigi Giannetto. Chiesta invece l’assoluzione per Rosa Maria Zocca, Maria Ferrara e David Remedios. Il processo, che si svolge davanti alla Prima sezione penale del tribunale, dopo le richieste del pubblico ministero, è stato rinviato. Nella prossima udienza previsti gli interventi dei difensori. Al centro del processo l’inchiesta avviata dalla procura che nel 2011 sfociò nella contestazione al commerciante di aver distratto beni per oltre un milione di euro, togliendoli dalla Margan una società dichiarata fallita dal Tribunale del 2008, ai danni di creditori e dipendenti. Gli accertamenti della Guardia di Finanza, coordinati dal sostituto procuratore Fabrizio Monaco, proseguirono portando al sequestro di beni, in diverse tranche. RASSEGNAWEB – LETIZIA BARBERA DA LETTERAEMME