24 Marzo 2017 Giudiziaria

Giustizia: Vincenzo Barbaro verso nomina Procuratore generale Messina. De Lucia procuratore capo?

Il giudice Matteo Frasca verso la nomina a Presidente della Corte d’appello di Palermo, mentre il Procuratore aggiunto di Palermo Dino Petralia verso la nomina a Procuratore generale della Corte d’Appello di Reggio Calabria. Questa mattina la Quinta Commissione del Csm ha presentato le proposte per le prossime nomine. Frasca, che al momento è reggente della Corte d’Appello di Palermo, dopo la nomina di Gioacchino Natoli al Ministero della Giustizia, ha ottenuto cinque voti, mentre Gianfranco Garofalo ne ha avuto uno solo. Petralia ha ottenuto, invece, l’unanimità per la Procura generale di Reggio Calabria. Queste le altre proposte del Csm: Francesco Mannino ha ottenuto cinque voti per ricoprire il posto vacante di Presidente del Tribunale di Catania, uno per Dorotea Quartararo. Per la nomina a Presidente della Corte d’Appello di Caltanissetta, sono andati cinque voti a Maria Grazia Vagliasindi, uno a Maria Giovanna Romeo. Per il Procuratore Generale della Corte d’Appello di Messina, posto vacante, Vincenzo Barbaro, che ha ottenuto cinque voti, uno a Roberto Saieva (che attualmente è procuratore capo a Cagliari e in passato è stato procuratore a Patti). Le nomine saranno decise dal plenum del Csm. Per il posto di procuratore aggiunto a Messina, lasciato scoperto da Barbaro, in corsa sono rimasti dieci pretendenti: Rosa Raffa, Maria Sabella, Annamaria Picozzi, Maria Pellegrino, Francesco Del Bene, Angelo Cavallo, Vito Di Giorgio, Maurizio Agnello, Alessandro Lia e Calogero Ferrara. Per il posto di procuratore capo di Messina sembra avvantaggiato il sostituto della Dna con funzioni di raccordo per Palermo e Caltanissetta, Maurizio De Lucia.