La Questura di Messina dà il benvenuto al nuovo Questore Mario Finocchiaro

1 Luglio 2017 Cronaca di Messina

È arrivato di buonora nella città dello Stretto il nuovo Questore di Messina Mario Finocchiaro.
Una tabella di marcia ricca di impegni iniziata anzitutto con il saluto al Prefetto della Provincia Francesca Ferrandino.
A seguire il Questore ha reso omaggio ai caduti della Polizia di Stato deponendo una corona di fiori al monumento ad essi dedicato presso la Caserma Nicola Calipari.
Ha poi voluto fin da subito incontrare il team di lavoro che lo affiancherà nella gestione della Questura e dunque tutti i Dirigenti ed i Funzionari responsabili della varie articolazioni e dei vari uffici ubicati su Messina e provincia.
Ha salutato altresì una rappresentanza del personale e delle organizzazioni sindacali della Polizia di Stato e del personale dell’ Amministrazione Civile dell’Interno.
Non è mancato l’appuntamento con la stampa per conoscere e presentarsi a coloro che operano nel campo dell’informazione.
Messina è la terza questura dopo Crotone ed Agrigento che il dott. Finocchiaro è chiamato a dirigere.
In Polizia dal 1985 vanta tra i precedenti più significativi la Dirigenza dell’Ufficio Scorte di Palermo, la Dirigenza della Digos di Caltanissetta e delle Squadre Mobili di Caltanissetta ed Enna; in quest’ultima sede ha inoltre ricoperto l’incarico di Capo di Gabinetto prima e, promosso frattanto Primo Dirigente, di Vice Questore Vicario poi.
Vice Questore Vicario è stato anche a Cosenza mentre a Catania ha ricoperto l’incarico di Capo di Gabinetto del Questore.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione