Tragedia: Si spara in caserma il comandante della caserma di Pizzo, Paolo Fiorello

3 Luglio 2017 Mondo News

Si è ucciso sparandosi un colpo di pistola al cuore, nel suo ufficio in caserma, Paolo Fiorello, Maresciallo dei Carabinieri, comandante della stazione di Pizzo, in Calabria. Aveva 37 anni.
Nessun dubbio sul suicidio, ma la Procura della Repubblica di Vibo ha ugualmente aperto un fascicolo per capire i motivi di un gesto allo stato incomprensibile. Le risposte alle tante domande di queste ore potrebbero arrivare da un biglietto scritto di proprio pugno dal maresciallo Fiorello prima di premere il grilletto della sua pistola. Un biglietto nel quale il 37enne comandante chiederebbe scusa a tutti per il dolore provocato. Alla base del gesto ci sarebbe un grande turbamento interiore, forse legato al banale incidente domestico (una caduta dalle scale) che qualche mese fa gli aveva causato la frattura scomposta del malleolo e al timore di non potersi più riprendere per vestire l’amata divisa da carabiniere

Intanto nelle prossime ore il medico legale Katiuscia Bisogni effettuerà l’autopsia disposta, come atto dovuto, dalla Procura. La salma sarà quindi consegnata ai familiari per essere tumulata a Calatafimi.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione