HA GUIDATO ANCHE LE COMMISSIONI PREFETTIZIE DI ACCESSO ISPETTIVO PER I COMUNI DI TERME VIGLIATORE E FURNARI: VIOLENZA SESSUALE, ARRESTATO IL VICEPREFETTO ANTONIO CONTARINO

3 Luglio 2017 Mondo News

I carabinieri hanno arrestato il viceprefetto Antonio Contarino, di Reggio Calabria, sposato con due figlie, in attesa di incarico, con l'accusa di violenza sessuale. L'arresto é stato fatto in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal Gip di Reggio Calabria su richiesta della Procura della Repubblica. Gli episodi contestati sono due e risalgono al 2015, quando Contarino era commissario prefettizio nel Comune di Bagnara. Il funzionario aveva ricevuto nel suo ufficio due donne che gli si erano rivolte per avere un sussidio. Contarino, dopo averle rassicurate riguardo le loro richieste, accompagnandole verso l'uscita le palpeggiò entrambe nelle parti intime. Nel secondo caso il viceprefetto, nell'andare a riscuotere l'affitto di uno studio professionale ubicato in un immobile di sua proprietà, si avvinghiò alla sua inquilina e le palpò il seno. In quell'occasione la vittima ebbe la forza di reagire e, dopo avergli dato uno schiaffo, lo cacciò dallo studio.

Al viceprefetto Contarino viene contestato anche il reato di tentata concussione. Il funzionario é stato commissario prefettizio a Bagnara Calabra fino al mese di novembre del 2016. Il Gip, reputando congruo il quadro accusatorio e sussistenti le esigenze cautelari, ha accolto la richiesta formulata dalla Procura della Repubblica ponendo il viceprefetto Contarino agli arresti domiciliari. Contarino ha lavorato per anni nella Prefettura di Messina ed è stato presidente delle commissioni di accesso ispettivo presso i comuni di Terme Vigliatore e Furnari. Poi anche commissario e successivamente componente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Carrozza San Leonardo Pollicino di Messina e componente della commissione aggiudicatrice appalto per l’affidamento in concessione del Bacino di carenaggio di Messina.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione