Per 5 anni Presidente dell’Autorita’ Portuale di Messina: Tangenti ai dirigenti delle Ferrovie, chiesti 4 anni per l’ex presidente Lo Bosco

5 Luglio 2017 Inchieste/Giudiziaria

PALERMO. Il pm Claudio Camilleri ha chiesto la condanna a quattro anni per l’ex presidente di Rfi, Dario Lo Bosco, coinvolto nell’inchiesta sulle tangenti ai dirigenti delle Ferrovie. L’inchiesta della Procura coinvolge anche Lo Bosco e i funzionari del Corpo forestale Giuseppe Marranca e Giuseppe Quattrocchi accusati a vario titolo di corruzione e induzione indebita a promettere utilità.
La posizione di Marranca e Quattrocchi è stata stralciata ed è trattata in un troncone parallelo. Dal processo è uscito Massimo Campione, imprenditore agrigentino che ha collaborato con inquirenti accusando proprio Lo Bosco. Per il difensore di Lo Bosco, l’avvocato Sergio Monaco che ne ha chiesto l’assoluzione, Campione è inattendibile.
Per quanto riguarda Campione, il gup aveva accolto nella scorsa udienza l’istanza dell’avvocato di Campione, Nino Caleca, disponendo l’affidamento in prova ai servizi sociali che porterà all’estinzione del reato. Una nuova norma la cui applicazione è stata sollecitata da Caleca. L’accusa per Campione è di induzione alla corruzione.
L'inchiesta, coordinata dal pm Claudio Camilleri, ruota attorno a due distinte vicende. Lo Bosco avrebbe ricevuto 58mila euro per spingere Rfi ad acquistare un sensore per il monitoraggio dell'usura delle carrozze ferroviarie affittate a terzi. Quattrocchi e Marranca avrebbero ricevuto complessivamente circa 250mila euro: in cambio avrebbero evitato intoppi nei lavori di ammodernamento della rete di radiocomunicazioni della Forestale che Campione si era aggiudicato, vincendo un appalto di 26 milioni bandito dal Corpo forestale.
Campione, titolare di una società di costruzioni, fu fermato, nel 2015, dalla polizia con una lista di nomi, con accanto delle cifre: una sorta di libro mastro delle tangenti. Gli indagati hanno sempre respinto le accuse.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione