Barcellona: Autoriciclaggio, giudizio immediato per Lino Siclari

7 Luglio 2017 Inchieste/Giudiziaria

La Procura di Barcellona, con atto firmato dal procuratore capo Emanuele Crescenti e dal sostituto Rita Barbieri, ha chiesto il giudizio immediato per l’architetto Pasquale “Lino” Siclari, ex patron della fallita “Aicon Spa” di Giammoro, per gli effetti dell’indagine giudiziaria sull’autoriciclaggio di fondi sottratti ai capitali di Aicon che ha generato l’operazione “Follow The money”, eseguita all'alba dello scorso 21 febbraio dalla Guardia di finanza di Messina. Come scrive Leonardo Orlando nell'edizione odierna della Gazzetta del Sud,
Lino Siclari, che dal 21 febbraio scorso è rinchiuso nel Carcere di Barcellona, dovrà comparire davanti ai giudici del Tribunale di Barcellona nel processo che si aprirà il prossimo 10 ottobre. La richiesta di giudizio immediato per Siclari, avanzata dalla Procura, accorcia i tempi del giudizio, evitando la fase che nel procedimento ordinario che si compie davanti al Gup. Intanto il difensore, avv. Gaetano Barresi, dopo l'esito del Tdr, ha presentato ricorso in Cassazione contro l’ordinanza di custodia cautelare. Ricorso che molta probabilità sarà discussa prima dell’avvio del giudizio immediato.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione