Sicilia, il record di Crocetta: moglie e marito di Messina nominati consulenti esterni della sua giunta

7 Luglio 2017 Cronaca di Messina

La moglie era già a libro paga da quasi un anno. Il marito invece è stato inserito soltanto da qualche giorno. A pochi mesi dalla fine naturale del suo governo, Rosario Crocetta riesce a battere ogni record. Tra i consulenti esterni della sua giunta, infatti, il governatore della Sicilia, è riuscito nell’impresa di includere una coppia di coniugi. Nella fattispecie si tratta di un geometra e un’avvocato di Mistretta, in provincia di Messina. Il marito si chiama Rosario Andreanò e – come risulta dal portale web della presidente della Regione – il 27 giugno scorso è stato nominato da Crocetta istruttore del suo ufficio di gabinetto.

Già componente del consiglio d’amministrazione dell’Irsap – l’istituto regionale che in Sicilia si occupa di attività produttive – Andreanò è un dirigente locale del Megafono, il movimento politico fondato dall’ex sindaco di Gela. Alla Regione Siciliana il geometra troverà sua moglie, Maria Teresa Zampino, che nel 2016 è stata nominata consulente legale dell’assessore alle Attività produttive, Mariella Lo Bello. Quella che è indicata come il braccio destro di Crocetta ha rinnovato ogni tre mesi l’incarico alla Zampino: l’ultima proroga è del 17 maggio scorso e scadrà il 17 agosto in cambio di 2.065,83 euro lordi. Ancora da stabilire lo stipendio di suo marito, che però dovrebbe essere di poco inferiore. A sei mesi dalle elezioni, dunque, Crocetta è riuscito ad assicurare un piccolo riconoscimento anche ai coniugi Andreanò, varando nello steso tempo il primo esempio di famiglia di consulenti nella storia della Regione Siciliana.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione