MESSINA, L’ALLARME DEL CONSIGLIERE BIANCUZZO DOPO IL ROGO DEL 30 GIUGNO: Numerosi tratti della ss 113, da Ponte Gallo a Mortelle, sono completamente al buio

11 Luglio 2017 Cronaca di Messina

La strada statale 113/dir., compresa nel tratto Mortelle e Ponte Gallo Comune di Messina, è una strada molto frequentata soprattutto nel periodo estivo, considerando che è a servizio dei villaggi rivieraschi e di zone balneari.

La stessa arteria, viene percorsa da ciclisti dilettati che, oltre a fare attività motoria, godono del paesaggio naturale rappresentato da un mare incantevole e da vaste aree a verde.

Ai margini della strada le cunette per il convogliamento delle acque piovane nei tombini sono ricolme di terriccio, trasportato durante le piogge invernali, sulle quali si è diffusa una vegetazione spontanea di tipo invasivo molto rigogliosa, che oltre ad ostruire la carreggiata stradale e non consentire la necessaria visibilità alle autovetture e ai ciclisti in transito, rappresenta una barriera al normale deflusso delle acque piovane che per effetto di tale ostacolo, non vengono reggimentate nelle opportune opere realizzate per tale scopo. Inoltre la presenza degli alberi di acacia in prossimità del perimetro della strada, con i rami muniti di spine pericolose e la presenza di un folta vegetazione di canne in curva rappresentano pericoli agli automobilisti in transito che sono costretti ad invadere forzatamente la corsia opposta. (Vedi foto allegate)

Altro pericolo, troppi pali in cemento che sorreggono i fili dell’energia elettrica, nel tratto segnato in oggetto, si presentano logorati, vetusti con i tondini di ferro arrugginiti e con pezzi di cemento che cadono sbriciolandosi. I pali in cemento, molto pesanti, alcuni inclinati potrebbero cadere sui mezzi in transito senza scampo per gli occupanti. I fili dell’energia elettrica sono incastrati nelle alberature.

L’illuminazione pubblica è assente in numerosi tratti della strada statale 113/dir. determinando disagi per la circolazione durante le ore notturne e pericoli. Ricordo che su questa arteria ad alta densità di traffico si sono verificati, purtroppo, diversi incidenti mortali.

Premesso ciò chiedo

  • all’ANAS di provvedere ad effettuare tutti i lavori necessari per rendere la circolazione dei mezzi in transito in sicurezza, a tutela della pubblica e privata incolumità. E per evitare il propagarsi di incendi, con l’aumento della temperature, dolosamente o accidentalmente causa folta vegetazione che cresce spontaneamente.

Suggerisco di intervenire con mezzi meccanici e camion capienti per eliminare tutto il terriccio con relative erbacce. Con accurata pulitura delle cunette. Chiedo nella qualità di consigliere, come prevenzione incendi, a rimuovere rovi, sterpaglie e qualunque materiale di qualsiasi natura, che possa essere fonte di incendio. Provvedere alla scerbatura rimozione di erbe, arbusti, alberi e rami secchi bruciati dall’incendio del 30 giugno 2017 che potrebbero cadere sulla strada statale, alberi che crescono spontaneamente e quant’altro possa essere veicolo di incendio. Ricordo che le fiamme propagatesi il 30 giugno 2017, hanno raggiunto, nel tratto che va da Spartà a San Saba, dopo aver oltrepassato la strada statale 113/dir., il mare. Il fuoco ha distrutto tutto, ingenti danni. Case bruciate, alberi secolari completamente carbonizzati.

  • Al Servizio Elettrico Nazionale di provvedere a sostituire tutti i pali in cemento, ubicati ai bordi della strada statale 113/dir, arrugginiti e pericolosi a scanso di eventuali responsabilità civili e penali che si potrebbero determinare, causa mancati interventi. (Vedi foto allegate)
  • Al Dirigente lavori pubblici del Comune di Messina di dare incarico a degli ingegneri specializzati di realizzare progetti, per impianti di illuminazione pubblica, nel tratto che va da Mortelle a Ponte Gallo e successivamente inviare i progetti alla Regione Sicilia per essere finanziati.
  • All’Assessore lavori pubblici chiedo di effettuare un sopralluogo sui luoghi per accertare la veridicità di quanto sopra esposto dallo scrivente, io stesso sarò lieto di accompagnarlo.

Bisogna fare presto. Numerosi tratti della strada statale 113/dir. che va da Ponte Gallo a Mortelle, sono completamente al buio.

Non è allarmismo ma è doveroso da parte mia, senza fare polemiche e senza puntare il dito contro nessuno, segnalare, nella qualità di consigliere le problematiche che riscontro nel territorio.

 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione