Fallimento Acr Messina. Accorinti e Pino: “Profonda amarezza. In futuro solo progetti degni della tradizione del Messina”

14 Luglio 2017 Cronaca di Messina

“Il sindaco, Renato Accorinti, e l’assessore allo sport, Sebastiano Pino, esprimono profonda amarezza per la mancata iscrizione dell’Acr Messina al prossimo campionato di Lega Pro. L’Amministrazione comunale aveva supportato e facilitato, in tutti i modi possibili e consentiti ad una Amministrazione di un Comune in predissesto economico, il progetto di salvataggio e di rilancio presentato dal dott. Franco Proto e dai suoi collaboratori. È il momento adesso di unire le forze di tutti gli sportivi messinesi e degli imprenditori economici che amano la nostra città per restituire una squadra di calcio degna della gloriosa tradizione dei colori giallorossi. Auspichiamo che da questo fallimento calcistico si riparta con slancio e autorevolezza, puntando su persone che abbiano a cuore le sorti del Messina e possano investire economicamente per tornare in alto. Il tifoso messinese non farà mancare il suo apporto, come ha sempre fatto anche nelle circostanze più difficili come questa, ma ha bisogno di confrontarsi con un progetto serio, duraturo e dalle basi economiche solide. Noi, come Amministrazione comunale, non faremo mancare il nostro supporto, pur nelle ristrettezze economiche che tutti conoscono”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione