Abbonamenti, sconto del 50% per gli studenti universitari – Firmato oggi un protocollo di intesa tra Teatro di Messina, Università di Messina e Conservatorio Corelli

14 Luglio 2017 Cronaca di Messina

Stamane, nella terrazza del Teatro Vittorio Emanuele, è stato presentato e siglato un protocollo di intesa per la realizzazione di attività comuni nel settore teatrale e musicale tra l’E.A.R. Teatro di Messina, l’Università degli Studi di Messina e il Conservatorio Arcangelo Corelli. All’incontro erano presenti il Presidente, Luciano Fiorino, il Sovrintendente, Egidio Bernava, il Rettore dell’Università, Pietro Navarra, il Coordinatore del Collegio Prorettori, Giovanni Cupaiuolo, e il Presidente del Conservatorio Corelli, Giuseppe Ministeri.

L’accordo sancisce una stretta collaborazione tra gli enti finalizzata a favorire scambi nei settori del teatro e della musica attraverso la creazione di progetti che coinvolgono artisti, maestranze, studenti, docenti e impiegati. In particolare verranno promossi incontri scientifici e artistici, progetti formativi e di inserimento lavorativo, convenzioni per studenti, docenti e impiegati.

“Questa amministrazione si sta caratterizzando per gli ampi segnali di apertura, in particolare verso il territorio. Troviamo fondamentale fare rete tra le istituzioni e riteniamo strategicamente importante favorire l'impatto sociale della cultura teatrale e musicale per garantire le ricadute dell'investimento in conoscenza” - ha spiegato Fiorino - “la comprensione dei valori e del linguaggio teatrale e musicale costituisce un elemento indispensabile per la formazione dei giovani, e il Teatro ha tutte le possibilità di offrire un contributo autorevole”.
Soddisfazione è stata espressa anche da Navarra: “Ho accolto l’invito a firmare l’accordo con la certezza che sarebbe diventato concreto ed operativo da subito. Non rappresenta, infatti, soltanto uno generico scambio di competenze e di condivisione di progetti, ma coinvolge in modo immediato tutto il mondo universitario, studenti, corpo docente e impiegati. Offre vantaggi economici per partecipare agli spettacoli, incontri con gli artisti, condivisione di spazi istituzionali e occasioni di tirocinio per studenti e di avvio al lavoro per laureati”. Nello specifico, per la prossima stagione, gli studenti godranno di uno sconto del 50% sul prezzo dell’abbonamento, mentre il personale docente e non docente (compresi i dipendenti Unilav) usufruirà di una riduzione del 40%. L’Università organizzerà dibattiti e momenti formativi, sfruttando la presenza di artisti e personalità dello spettacolo, impegnati di volta in volta a Messina per gli spettacoli del Teatro.
Ancora, l’Università avrà la possibilità di utilizzare i locali del Teatro “V. Emanuele” per alcuni appuntamenti, mentre l’Ente Teatro avrà a disposizione l’anfiteatro della Cittadella dell’Annunziata.
Infine, un' ulteriore agevolazione per gli studenti è rappresentata dall’opportunità di svolgere presso l’Ente Teatro tirocini professionalizzanti.
“Oggi poniamo le basi per la creazione e diffusione di cruciali occasioni culturali ed educative tra gli studenti - ha dichiarato nel suo intervento Ministeri - occasioni che li possano accompagnare per l’intero loro periodo di permanenza nel sistema di formazione. Grazie a questo accordo i giovani possono completare le loro attività didattiche e di apprendimento. Condivido, dunque quanto sottolineato qui dal Presidente e dal Rettore. Noi ci siamo e faremo la nostra parte in questo sistema di squadra“.
“Infine - ha concluso il Presidente del Teatro - “voglio evidenziare la grande importanza del ruolo che riveste in questo protocollo l’Ufficio Scolastico Regionale Territoriale di Messina che, attraverso il suo rappresentante legale Luca Gaetani, nei prossimi giorni siglerà la propria adesione”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione