UNA STORIA INCREDIBILE – Messina, falsa l’accusa di violenza del marito: voleva lasciarlo per il fidanzato della figlia

Ha accusato il marito di averla picchiata e di aver abusato di lei ma non era vero, anzi era lei che lo voleva lasciare perche aveva una relazione con il fidanzato di sua figlia. La Corte di Appello di Messina, presieduta da Maria Celi, ha assolto l'imputato S.F. perché il fatto non sussiste. Anche il tribunale civile ha rigettato la richiesta di addebito presentata dalla donna.

Nel giudizio di Appello, Giovambattista Freni, il difensore dell'uomo, per dimostrare che la donna poteva essere incline alla menzogna, ha provato che, nel corso della vita coniugale, aveva intrattenuto una relazione sentimentale con il giovanissimo fidanzato della figlia, la quale dopo aver scoperto la tresca aveva deciso di trasferirsi a Milano. S.F. era stato condannato in primo grado dal giudice a cinque anni di reclusione, dopo che la donna, A.C., aveva chiesto la separazione giudiziale con addebito e lo aveva anche denunciate penalmente. "S.F. - spiega l'avvocato Freni- ha reagito e non ha deciso di farsi giustizia, si è difeso nel processo aspettando l'appello, nel quale è stata ribaltata la sentenza di primo grado".

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione