Avaria nello Stretto, intervento risolutivo della Capitaneria di Porto di Messina

19 Luglio 2017 Cronaca di Messina

L’allarme è arrivato alla Sala Operativa della Capitaneria di Porto oggi alle ore 10.30 circa: la nave da carico di tsl. 5630 “Sider Mariel”, di bandiera Portoghese, 108 metri di lunghezza, in navigazione da Civitavecchia a Ravenna, al traverso di Tremestieri, per cause in corso di accertamento, ha comunicato di non poter governare a causa di un black-out all’apparato di propulsione. Il Centro VTS di Messina, nel corso dell’attività di monitoraggio e gestione del traffico marittimo, constatato il pericolo contattava, immediatamente, il comando di bordo ed avvisava via radio tutte le navi in transito nello Stretto di Messina.

Il comando della Capitaneria di porto di Messina – Autorità Marittima dello Stretto ha quindi assunto il coordinamento delle operazioni inviando in zona la Motovedetta “CP 852”, il rimorchiatore portuale  “Macistone”, e disponendo l’invio a bordo di un pilota della corporazione Piloti dello Stretto.

Alle ore 11.30 circa, l’allarme è rientrato: l’unità ha ripristinato i motori, dirigendosi verso il porto di destinazione, assistito dalla Motovedetta “CP 852” e dal rimorchiatore “Macistone” sino al limite Sud dell’area dello Stretto di Messina.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione