Mafia: Gotha 5, confermate in appello le condanne

Condanne confermate per la quasi totalità degli imputati. Si conclude così il processo d’appello relativo a Gotha 5, la maxi operazione antimafia scattata lo scorso anno contro le nuove leve del clan di Barcellona e Mazzarrà Sant’Andrea.

A stabilire la sentenza è stato il Collegio composto dal Presidente dott. Sicuro e dai giudici dott.ssa Grimaldi e dott.ssa Arena che stamani ha letto il dispositivo al termine di una camera di consiglio svolta nell’aula bunker del carcere di Gazzi. Si tratta sostanzialmente di una conferma della sentenza di giudizio abbreviato emessa lo scorso settembre dal GUP Eugenio Fiorentino al termine del processo di primo grado.

Uniche eccezioni per Salvo Orazio, assistito dall’avvocato Rita Pandolfino, assolto dal reato di associazione a delinquere di stampo mafioso poiché il fatto non sussiste e quindi con una rideterminazione della pena pari a 5 anni di reclusione e 4mila euro di multa, e per altri tre imputati le cui pene sono state diminuite. Si tratta di Antonino Biondo (a cui sono state concesse le attenuanti generiche e una pena di 7 anni di reclusione),Giuseppe Cammisa (la pena è stata diminuita a 7 anni, 7 mesi e 20 giorni di reclusione nonché 6.800 euro di multa), Filippo Munafò (7 anni di reclusione).

Il Collegio ha poi confermato le condanne per tutti gli altri imputati difesi dagli avvocati Carmen Zarcone, Sebastiano Campanella, Tomaso Autru Riolo, Giuseppe Lo Presti, Salvatore Silvestro e Tino Celi.

Ecco nel dettagli le altre condanne confermate: Alessio Alesci, 5 anni e 8 mesi, Salvatore Artino, 3 anni e 10 mesi, Santino Benvenga, 4 anni, Salvatore Calcò Labruzzo, 6 anni e 10 mesi, Antonino Calderone, 1 anno, Agostino Campisi, 6 mesi, Salvatore Campisi, 4 anni, Marco Chiofalo, 9 anni, Salvatore Chiofalo, 4 anni, Carmelo Crisafulli, 4 anni, Bartolo D’Amico, 8 anni e 10 mesi, Miloud Essaoula, 2 anni e 6 mesi, Giovanni Fiore, 3 anni e 2 mesi, Antonino Genovese, 3 anni e 6 mesi, Santo Gullo, 3 anni e 8 mesi, Franco Munafò, 3 anni e 10 mesi, Giuseppe Ofria, 9 anni, Mario Pantè, 5 anni e 2 mesi, Giovanni Pino, 7 anni e 8 mesi, Giuseppe Reale, 6 anni e 8 mesi, Nunziato Siracusa, 6 mesi, Sebastiano Torre, 8 anni, Maurizio Trifirò, 6 anni e 6 mesi. Rassegnaweb - di Veronica Crocitti da Tempostretto.it

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione