MESSINA: Processo “Cantieri Palumbo”, la Scopelliti assolta in appello

19 Luglio 2017 Inchieste/Giudiziaria

Assolta per non aver commesso il fatto. E’ un ribaltone del processo di primo grado quello che giunge oggi per Letteria Scopelliti, la messinese coinvolta nell’inchiesta sull’irregolare smaltimento dei rifiuti nella zona dei Cantieri Palumbo.
La Scopelliti, difesa dall’avvocato Billé, è stata difatti assolta nel processo d’appello in abbreviato per non aver commesso il fatto laddove, in primo grado, aveva ricevuto una condanna di 2 anni.

Condanna che invece si conferma in appello per Radin Walter e per la sua società, la Petrol Lavori. L’uomo, difeso dal legale Gullino, era stato condannato in primo grado ad una pena di 3 anni e 4 mesi, oltre a 250 mila euro di multa.

I tre erano accusati di associazione finalizzata al traffico illecito organizzato di rifiuti speciali, anche pericolosi, attraverso trasporti e sversamenti in siti sconosciuti o discariche non autorizzate, soppressione, distruzione e occultamento di atti veri.

L’inchiesta, scattata nel 2010 sotto il coordinamento del Sostituto Procuratore Diego Capece Minutolo, era sfociata nel 2013 con l'arresto dei titolari del cantiere dopo che un controllo nell’area aveva portato alla luce la presenza di fusti di grip esausto. (Ve. Cro.) - da tempostretto.it

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione