In provincia di Messina, uomo arrestato mentre appicca un incendio

23 Luglio 2017 Cronaca di Messina

Un uomo di 28 anni, Giovanni Forestieri, è stato arrestato dai Carabinieri perché sorpreso ad appiccare un incendio ad alcune sterpaglie lungo la strada Asi, sulle colline in provincia di Messina. I militari stavano perlustrando la zona, dopo i diversi incendi sui Peloritani nei giorni scorsi, e hanno visto un bagliore. Dopo aver allertato i vigili del fuoco, si sono nascosti dietro un cespuglio e hanno sorpreso il giovane mentre si allontanava. Ora si trova in camera di sicurezza a Milazzo, in attesa del processo che si svolgerà domani.

 

Il comunicato dei carabinieri
I Carabinieri della Compagnia di Milazzo, alla luce dei numerosi incendi che hanno distrutto ormai vaste aree di macchia mediterranea dei monti peloritani, stanno promuovendo una maggiore incisività nel pattugliamento notturno delle aree periferiche del territorio, anche montane, nell’ottica di prevenire ulteriori incendi e assicurare alla giustizia i colpevoli. In questo quadro di situazione si inserisce l’arresto operato nella nottata, di Forestieri Giovanni, classe 89. In particolare i militari della Stazione Carabinieri di Monforte San Giorgio, in servizio perlustrativo , si trovavano a transitare sulla strada ASI nel tratto corrispondente alla frazione Marina dell’omonimo comune. In una strada poco illuminata, la loro attenzione veniva richiamata da un forte bagliore, distante circa duecento metri dalla loro posizione. I militari si portavano prontamente sul posto, senza tuttavia farsi accorgere della loro presenza e, dopo aver allertato i vigili del fuoco, si appostavano dietro un cespuglio sorprendendo il Forestieri che a passo spedito si allontanava. Veniva cosi prontamente bloccato e trovato in possesso di due accendini perfettamente funzionanti, che venivano sottoposti a sequestro. L’incendio, infatti che inizialmente stava interessando una piccola area boschiva, in assenza di un tempestivo intervento avrebbe potuto creare danni ingenti attesa la vicinanza alla linea ferroviaria. L’uomo veniva trattenuto presso le camere di sicurezza del Comando Compagnia di Milazzo in attesa dell’udienza di convalida fissata per la giornata di domani.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione