ERA STATO ACCUSATO DELLA EX: 11 ANNI DI INFERNO, PROFESSIONISTA DI MILAZZO ASSOLTO DALL’ACCUSA DI VIOLENZA A SFONDO SESSUALE SULLA FIGLIA

25 Luglio 2017 Inchieste/Giudiziaria
Leonardo Orlando - Milazzo - Dopo 11 anni di agonia giudiziaria, un professionista di Milazzo di 51 anni che era stato ingiustamente condannato a 5 anni e 2 mesi di reclusione perché accusato dall'ex convivente e dal nuovo compagno della donna, di violenza a sfondo sessuale nei confronti della figlia che all'epoca dei fatti aveva appena 4 anni, è stato adesso assolto con la formula più ampia “perché il fatto non sussiste”. L'assoluzione, in riforma della precedente condanna, è stata determinata dai giudici della Corte d'Appello di Reggio Calabria a seguito di annullamento deciso dalla III sezione della Corte di Cassazione che nel 2014 aveva annullato – con rinvio degli atti alla Corte d'Appello di Reggio Calabria per la celebrazione di un nuovo processo – la sentenza emessa in primo grado dal Tribunale di Barcellona, il 22 dicembre del 2006. Sentenza con la quale si condannava il noto professionista di Milazzo, un ingegnere di 51 anni, sul quale era piombata l'accusa di violenza sessuale nei confronti della figlia che all'epoca dei fatti aveva poco più di 4 anni. La stessa sentenza era stata confermata nel processo di secondo grado in Corte Appello, il 28 febbraio del 2012.
Per l'uomo, difeso dall'avv. Giuseppe Lo Presti e dall'avv. Armando Veneto, che si è sempre dichiarato innocente e che a causa dei fatti per i quali era stato condannato si è dovuto trasferire da Milazzo in altra regione perché non sopportava più il peso delle accuse, la giustizia è giunta con 11 anni di ritardo. Come afferma il suo legale, avv. Giuseppe Lo Presti, si è trattato di “una ingiustizia” alla quale doveva essere messa la parola fine già molti anni prima. Invece sono trascorsi 11 anni di inferno.
Ad accusare l'uomo che da allora non ha più potuto avere contatti con la figlia, l'ex convivente e il nuovo compagno della donna, tanto che in primo grado il Tribunale di Barcellona presieduto dal giudice Anna Adamo, aveva deciso la condanna a 5 anni e 2 mesi di reclusione.
La sentenza di assoluzione, decisa dalla Corte d'Appello di Reggio, presidente Rosalia Gaeta, consiglieri Concettina Garreffa e Luigi Varrecchione, ha di fatto verificato e ritenute valide, secondo le linee dettate dalla Cassazione, del ricorso della difesa, nel quale si sosteneva soprattutto che una perizia ordinata sulle intercettazioni ambientali effettuate grazie ad una microspia installata in una bambola con la quale giocava la bimba, mentre nel periodo “incriminato” tra il gennaio e il maggio del 1999, negli attimi in cui la minore si trovava in compagnia del padre separato dalla mamma, escludeva quanto affermato dalla madre e dal suo nuovo compagno. La super perizia fonica ha infatti escluso che si percepissero “sussurri” e frasi “ansimanti” che in primo grado avrebbero pesato non poco, assieme alle accuse mosse dalla ex compagna che avrebbe riferito racconti della bimba, sull'esito del processo. Infatti i giudici di Reggio Calabria, nel processo bis, hanno stabilito che la testimonianza dell'ex compagna dell'imputato e del suo nuovo convivente che aveva fatto da riscontro fossero inattendibili perché incitavano, suggestionandola, la bambina a raccontare cosa faceva quando si trovava con padre. In un caso, la stessa bimba che aveva poco più di 4 anni, ha persino corretto la madre che nel mimare quello che faceva “papà” per convincere la bimba a spiegare quello che accadeva invece di toccarle il pancino metteva una mano sui genitali. Per l'uomo che per 11 anni ha vissuto sotto il peso delle assurde accuse mosse dalla sua ex che lo stesso professionista aveva abbandonato nel momento in cui aveva saputo che la donna era incinta, riconoscendo poi la bambina, la fine di un incubo durato per troppo tempo. fonte: Da Gazzetta del Sud

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione