Confiscati beni a “re delle slot machine” in Puglia con interessi su Letojanni (Messina)

27 Luglio 2017 Cronaca di Messina

I carabinieri del Comando provinciale di Bari stanno eseguendo la confisca di beni per un valore di 50 milioni di euro a carico di Giuseppe Cassone, 68 anni, di Gravina di Puglia, considerato dagli investigatori una figura apicale nella distribuzione e noleggio di “slot machine”.

Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Bari in applicazione dalla normativa antimafia. Cassone ha precedenti per bancarotta fraudolenta, truffa e ricettazione, reati commessi tra gli anni ’70 e gli anni ’90, con una sistematicità tale da acclararne la “pericolosità sociale”. Confiscati beni tra le province di Bari, Taranto, Messina e Matera.

Tra i beni confiscati, anche una società operante nella produzione e il commercio di arredi per locali pubblici, un call center, un bed&breakfast, 4 ville, 12 appartamenti, 7 locali commerciali, un capannone industriale, 18 quote di proprietà di altrettanti appartamenti facenti parte di una multiproprietà inserita in un complesso turistico a Letojanni, 10 autovetture ad uso aziendale e privato, 38 rapporti di conto corrente bancario.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione