Gioiosa Marea (ME): due arresti dei Carabinieri per estorsione e per maltrattamenti in famiglia

28 Luglio 2017 Cronaca di Messina

I Carabinieri della Stazione Carabinieri di Gioiosa Marea, nell’ambito dell’attività di prevenzione nel contrasto dei reati in genere, nella serata di ieri, hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di estorsione continuata un ragazzo di origine tunisina, classe 1999.
I militari della Stazione Carabinieri di Gioiosa Marea, mentre effettuavano un mirato servizio di osservazione, hanno visto sopraggiungere il ragazzo di origine tunisina a piedi che, avvicinatosi ad altra persona con cui aveva appuntamento, dietro persistenti minacce verbali di morte, si faceva consegnare dalla tessa una banconota da 100 euro, verosimilmente utile ad acquistare stupefacente.
I Carabinieri, intervenuti prontamente, lo traevano in arresto per estorsione continuata.
Il giovane, dopo le formalità di rito, su disposizione del Magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Patti, è stato condotto presso il rispettivo domicilio dove è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida che si terrà presso il Tribunale di Patti.
L’attività di prevenzione dei reati da parte dei militari della Stazione Carabinieri di Gioiosa Marea continua incessante, infatti, qualche giorno prima, i Carabinieri hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e minacce un uomo sorpreso nell’atto di minacciare e usare violenza nei confronti dei suoi genitori, allo scopo di farsi consegnare del denaro. L’uomo arrestato veniva identificato in A. R., nato a Messina, cl. 1990, con precedenti di polizia.
L’Aiello, al termine dell’udienza di convalida, che si è tenuta con rito direttissimo, presso il Tribunale di Patti, è stato condotto presso il rispettivo domicilio dove è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari. L’uomo, nella circostanza, ha continuato a mantenere un atteggiamento minaccioso ed aggressivo, motivo per cui è stato nuovamente tratto in arresto dai militari della Stazione Carabinieri di Gioiosa Marea in esecuzione di misura cautelare ed è stato condotto presso la casa circondariale di Messina Gazzi. Continua dunque senza sosta l’attività di contrasto ai reati in genere dei Carabinieri della Compagnia di Patti che, attuando le direttive del Comando Provinciale di Messina, stanno profondendo nel settore grande impegno in termini di uomini e mezzi impiegati.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione