Il Rettore incontra i lavoratori che svolgono il servizio di pulizia nell’Ateneo

27 Settembre 2017 Cronaca di Messina

Il Rettore, prof. Pietro Navarra, ha incontrato stamane un gruppo di lavoratori delle ditte che gestiscono il servizio di pulizia all’interno dell’Ateneo, accompagnati dai rappresentanti della Fisascat-CISL.
Alla luce delle problematiche esposte dai lavoratori, i quali lamentano continui ritardi nella corresponsione degli stipendi, il Rettore ha deciso di convocare un tavolo tecnico già la prossima settimana, a cui saranno invitati a partecipare, oltre all’amministrazione universitaria, alcuni rappresentanti dei lavoratori, e i responsabili delle ditte stesse.
“A fronte di quanto affermato dai lavoratori – dice il Rettore – emerge l’immediata esigenza di fare piena chiarezza su questa vertenza. L’Università paga regolarmente chi si è aggiudicato l’appalto, rispettando i termini previsti dal contratto. A fronte di tutto ciò, assistiamo a interruzioni del servizio, a causa di continue proteste dei lavoratori che invece non sembrerebbe vengano retribuiti con la stessa regolarità. Già in passato avevamo inviato delle sollecitazioni, ma le rassicurazioni fornite dalle ditte tanto all’Università quanto ai lavoratori, appaiono essere state disattese. I responsabili aziendali, pertanto, sono chiamati a risolvere prontamente il problema per non compromettere i termini contrattuali previsti nel contratto stipulato con l’Universita’.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione