L’INCHIESTA DI FIRENZE: Concorsi truccati, i negoziati per far vincere la moglie del docente dell’Universita’ di Messina Andrea Colli Vignarelli: “Hai visto il cv di Mariù? Debole ma è il prezzo da pagare”

28 Settembre 2017 Inchieste/Giudiziaria

Anche i professori tengono famiglia. A due giorni dagli arresti decisi dal gip di Firenze, a interrogatori iniziati – tra silenzi e non ricordo – dalle carte dell’inchiesta, condotta del pm Paolo Barlucchi, emerge anche l’atteso filone del nepotismo. E a raccontarci il capitolo che il gip dedica al docente messinese Colli Vignarelli, alla moglie e al suocero è Giovanna Trinchella su il Fatto Quotidiano. Poteva accadere – e in effetti è accaduto – che un docente, nominato commissario, dovesse dimettersi per incompatibilità ed è in questo quadro che salta fuori il primo caso: quello di Andrea Colli Vignarelli, ordinario di diritto tributario a Scienze Politiche a Messina, interdetto dal giudice, marito di Maria Concetta Parlato, figlia del professore Andrea Parlato (laureatosi a Messina, e che ha assistito ultimamente in commissione tributaria anche l'immobiliarista messinese, finito nei guai anche con il fisco, Nino Giordano). “Ha avuto buon gioco a far ritirare la moglie Maria Concetta Parlato negoziando i propri voti in cambio dell’assicurazione dell’abilitazione del coniuge nella tornata successiva, quando lui – ragiona il gip – si sarebbe appunto dimesso per incompatibilità”. Anche per “Mariù” scende in campo anche l’ottantenne padre.

Il “negoziato per far passare Mariù”
È l’aprile del 2015 e le dimissioni incrociate di alcuni commissari creano un effetto domino che il professor Pasquale Russo – il docente che diceva al ricercatore da escludere “se fai ricorso ti giochi la carriera” – commenta così con il collega di Bologna Adriano Di Pietro: “Perché loro pensavano che la commissione prima, sarebbe stata anche la commissione seconda, dopo aver sostituito, ehm, Guglielmo Fransoni per incompatibilità. Si sono fatti male i conti perché la commissione è cambiata totalmente”. Ed è proprio Fransoni, docente a Foggia, a chiarire quali erano gli accordi: il ritiro sia di Francesco Padovani (il candidato sponsorizzato ai danni di Philip Jezzi Laroma, che poi ha denunciato tutti) sia della Parlato, moglie del suo interlocutore. “Perché noi avevamo fatto come dire? Un ticket: Mariù-Francesco. Non può essere separato: io e te abbiamo fatto un gioco di squadra e abbiamo, avevamo raggiunto un’intesa”. Già, il ticket. È in questo che il commissario Fransoni, all’esito dei lavori della commissione, avrebbe ottenuto un posto per Francesco Padovani, poi diventato ricercatore a tempo determinato a Pisa, alla tornata successiva. Per Maria Concetta Parlato il padre va a Bologna da Di Pietro: è il marzo 2015 e accompagnato dalla figlia inizia la trattativa. E in una telefonata intercettata che poi il professore bolognese parla di un candidato definendolo “mediocre”, precisando che però rientrerà nel “negoziato per far passare Mariù“.

Di Mariù parla anche il professore Fabrizio Amatucci (Università di Napoli) con il commissario spagnolo Carlos Maria Lopez Espadafor: “Ci sarebbe poi la Parlato. La Parlato tu sai che è figlia di Parlato, il professore di Palermo che è stato il mae … , un po’ per certi versi, il maestro no, ma si è laureato Zizzo (Giuseppe, Università Carlo Cattaneo Milano ndr) cioè Zizzo è un po’ legato a Parlato, ma moltissimo è legato Parlato a Di Pietro. Di Pietro e Parlato sono sempre stati molto uniti. Quindi lui può essere che poi ad un certo punto, non lo farà all’inizio, farà il nome della Parlato che è debole, vatti a vedere il curriculum. Quindi noi abbiamo un’altra arma se lui ci chiede la Parlato allora io gli comincio a chiedere di tutto perché vuol dire che il livello, hai capito? Scende. Il livello è basso“. Parlato padre si commuove, ad abilitazione ottenuta, e Di Pietro riferisce di avergli risposto tranchant: “Abbiamo dovuto accettare anche Cimino conoscendo … però Andrea, questo è stato il prezzo da pagare perché andasse all’unanimità Mariù“.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione