Messina rivuole la medaglia del Nobel Salvatore Quasimodo

30 Luglio 2018 Culture

A cinquant’anni dalla morte di Salvatore Quasimodo, parte da Messina, dalla provincia dove lo scrittore visse, una battaglia per recuperare il cimelio numero uno del Premio Nobel, la medaglia d’oro consegnatagli a Stoccolma nel 1959. La stessa che il figlio Alessandro, attore e regista, ha venduto nel 2015 all’asta insieme con il diploma di laurea e il ritratto ufficiale dell’evento. Una scelta mai gradita soprattutto a chi in Sicilia costruisce percorsi scientifici e turistici attorno alla figura di Quasimodo con il Parco letterario a lui dedicato e con il Circolo filatelico peloritano della città dello Stretto sino alla vicina Roccalumera. Tutti insieme a un recente convegno per il cinquantenario, pronti ad invocare una raccolta fondi per potere riscattare questo simbolo della letteratura italiana.

La delibera del commissario

Una richiesta fatta propria dal commissario straordinario della città metropolitana di Messina, Filippo Ribaudo, con una delibera appena inviata al governatore della Sicilia Nello Musumeci e all’assessore ai Beni culturali, Sebastiano Tusa, perché la Regione compri il prezioso cimelio e lo affidi all’Archivio Quasimodo, presso la Galleria d’arte moderna e contemporanea di Messina.

La medaglia

Una medaglia come tappa obbligata di un più complesso percorso culturale. Coniata da Erik Lindemberg, diametro di 66 millimetri, 202 grammi in oro 23 carati, il busto di Alfred Nobel sul fronte e sul rovescio la Musa Tersicore. La casa Bolaffi partì da 50 mila euro come base d’asta nel dicembre del 2015. Battuta a 100 mila, aggiudicata alla società numismatica di Matteo Cavederi, un fiorentino raggiunto al telefono da Filippo Ribaudo: «Gentile, mi ha detto che sarebbe pronto a rivenderla, ma che vorrebbe guadagnare qualcosa, oltre i 120 mila euro pagati per Bolaffi, proprietari e tasse. Disponibile perfino a venire subito a Messina per farla vedere a noi che vorremmo riaverla. Ma in mancanza di fondi dobbiamo chiedere aiuto alla Regione».

L’idea dell’assessore

E a Palermo Sebastiano Tusa, l’archeologo che ha legato il suo nome alla nascita della Sovrintendenza del Mare, è interessato: «Alla richiesta bisogna prestare la massima attenzione, anche se le condizioni di cassa non ci permettono di sostenerla subito, ma potremmo costituire un consorzio di pubblici e privati per arrivare alla cifra necessaria, aprendo da ora la trattativa». Fuori causa, la famiglia Quasimodo e il figlio del poeta, mai pentito di avere ceduto la reliquia. Forse perché, come ha ammesso in passato, la consegna del Nobel provocò un terremoto per la madre, la poetessa Maria Cumani: «Lui andò con un’altra persona, non portando né mia madre né me. Ho perdonato tante cose a mio padre, ma questo gesto no».