Giardino Corallo, il Comune revoca la concessione al teatro Vittorio Emanuele

9 Gennaio 2019 Culture

Il comune di Messina revoca la concessione d’uso del Giardino Corallo al teatro Vittorio Emanuele. La decisione arriva dall’assessore alla Cultura, Enzo Trimarchi, ed è stata formalizzata in una delibera di giunta. L’area, un teatro all’aperto confinante con l’ex real convitto Dante Alighieri (che oggi ospita il dipartimento all’Urbanistica di Palazzo Zanca), era stata concessa in comodato d’uso per tre anni a luglio del 2016: subordinata alla concessione, c’era la clausola del versamento, nelle casse comunali, del 5% dell’incasso netto di tutte le manifestazioni che si sarebbero svolte all’interno dell’area. Dal luglio 2016, però, nel teatro all’aperto, il Vittorio Emanuele non ha organizzato, allestito e realizzato alcuno spettacolo, e l’ex sovrintendente Egidio Bernava ha consegnato le chiavi della struttura: procedura il cui iter è stato concluso dall’attuale sovrintendente, Gianfranco Scoglio, che ha definitivamente riconsegnato struttura e aree pertinenti.

Per questo, Trimarchi ha ritenuto di dover interrompere, sei mesi prima della naturale scadenza, l’accordo di concessione d’uso, per “riprendere pieno ed effettivo possesso dell’area in questione, per potere eventualmente bandire una nuova manifestazione d’interesse per la gestione dell’area secondo gli intendimenti che l’amministrazione deciderà”.