MESSINA: L’ambasciatore dell’Eire in visita in città

6 Marzo 2019 Senza categoria

L’ambasciatore dell’Eire, Colm O’ Floinn, insieme alla vice capo missione Margaret Ryan, è stato accolto a Messina dalla prefetta Maria Carmela Librizzi e dai vertici delle forze dell’ordine.

E’ arrivato in città come segno di riconoscenza e ringraziamento per l’accoglienza riservata alle due delegazioni irlandesi che nei mesi scorsi hanno svolto missioni finalizzate alla ricollocazione di 32 migranti ospiti dell’hotspot, provenienti da uno sbarco nel porto di Pozzallo lo scorso luglio e dallo sbarco dalla nave Diciotti, successivamente trasferiti in Eire.

Sono state illustrate all’ambasciatore le modalità di svolgimento degli sbarchi presso il porto di Messina, con l’attivazione di un complesso modello operativo che coinvolge, oltre alla Prefettura, Forze di Polizia, Strutture sanitarie, Servizi sociali del Comune capoluogo, Volontariato, Organizzazioni umanitarie non governative.

Ò Floinn ha espresso vivo compiacimento per l’attività, coordinata dalla Prefettura, che coinvolge molteplici Enti ed Istituzioni, sottolineando in particolare la piena consapevolezza e operatività dei diversi attori del sistema “immigrazione” e traendo una positiva impressione dalla complessa e puntuale organizzazione messa in campo per la gestione del fenomeno migratorio, in una cornice di massima sicurezza a tutela dei diritti degli stessi e dei cittadini italiani.

Poi l’ambasciatore è stato all’hotspot di Bisconte, accompagnato dall’assessore alle Politiche Sociali, Alessandra Calafiore, ha avuto modo di fare un breve giro in città, definendola gradevolissima, ed ha completato il percorso con la visita istituzionale al Palazzo municipale. Qui è stato accolto dal vicesindaco Salvatore Mondello e dall’assessore Dafne Musolino, che lo hanno accompagnato per visitare le stanze arredate con opere d’arte, particolarmente ammirate dall’ambasciatore che ha chiesto lumi sulla città e il suo contesto storico, comprese le tradizioni religiose e folcloristiche. Il vicesindaco Mondello, nel corso della visita, ha intrattenuto gli ospiti, presentando gli aspetti storici, architettonici ed artistici di Messina, trovando un interlocutore molto interessato al patrimonio culturale della città ed alla posizione che la assume in seno all’Italia; non a caso ha apprezzato l’esposizione, nella stanza del sindaco, delle foto del Santo Padre e del presidente della Repubblica, che di recente sono stati ospitati in Eire.

L’ambasciatore ha sottolineato il ruolo strategico dell’Italia, che si pone come portatore di equilibrio all’interno dell’Unione Europea e nei confronti della quale ha ribadito il sostegno e la solidarietà dell’Eire che è animata da sentimenti e sensibilità analoghe a quelle del nostro Paese. Significativo poi lo scambio di riflessioni con l’assessore Musolino, con la quale ha condiviso l’interpretazione degli aspetti di storia contemporanea che interessano l’Italia e più in particolare la città di Messina. Il vicesindaco ha ringraziato l’ambasciatore per la vicinanza e la sensibilità mostrata nei riguardi della città e in generale dell’Italia, esprimendo la sua personale gratitudine per le lusinghiere dichiarazioni in merito all’apprezzamento sulla città e sulla sua provincia, di cui ha voluto conoscere i dettagli demografici complessivi per contestualizzarne le attività. Dopo un breve rinfresco a base di specialità dolciarie messinesi, che gli sono state offerte insieme ad un libro storico sulle impressioni dei turisti a Messina e ad una scultura donata dalla gallerista Simona Scibona, realizzata dall’artista messinese Alex Caminiti, l’alto diplomatico si è congedato ringraziando più volte per la speciale accoglienza riservata e per l’esposizione della bandiera irlandese. Il sentimento di gratitudine è stato infine espresso con una dedica sul guestbook municipale.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione