Lutto cittadino per Alessandra Musumarra

8 Marzo 2019 Cronaca di Messina

“Le bandiere di palazzo Zanca sventoleranno a mezz’asta in segno di lutto”: lo ha annunciato ieri sera il sindaco Cateno De Luca, facendosi interprete di un dolore che ha colpito la cittadinanza rimasta sgomenta per l’uccisione da parte del fidanzato di Alessandra Musumarra.

Questo il post pubblicato su Facebook:

Perché uccidere le donne !

Alla vigilia della festa delle donne assistiamo all’ennesimo atto di criminale violenza sulle donne: stavolta è toccato alla trentenne Alessandra MUSARRA di Santa lucia sopra contesse villaggio popolare della periferia di Messina.

Un ennesimo caso di femminicidio consumato, da quel che si apprende dai giornali, dal fidanzato che ha pestato a sangue fino alla morte la povera Alessandra (ci auguriamo che questa provvisoria ricostruzione non corrisponda alla realtà dei fatti)

Non c’è dubbio che in questi momenti prevale in certi uomini quel senso di inferiorità da colmare con il gesto estremo del femminicidio.

Domani e dopodomani le bandiere di paazzo Zanca sventoleranno a mezz’asta in segno di lutto.

Non ci resta che pregare per ALESSANDRA ed i suoi cari con la speranza che certi uomini sfoghino il loro senso di inferiorità rispetto alla donna con altri gesti ed altre forme compensative delle proprie psicosi.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione