Sequestrata un’area adibita a discarica di amianto nel torrente Pace

12 Marzo 2019 Cronaca di Messina

Prosegue senza sosta l'attività di prevenzione e repressione dei reati ambientali attuata dalla Polizia metropolitana di Messina, sotto la direzione del Comandante Colonnello Antonino Triolo.
La sezione Ambiente, su disposizione del Colonnello Triolo e coordinata dal sostituto Commissario Giovanni Ruggeri, ha accertato la presenza di rifiuti speciali pericolosi e di altro materiale lungo i margini ed all'interno dell'alveo del torrente Pace, nel tratto che conduce all'Oasi del Sorriso, nel territorio del Comune di Messina.
Gli agenti hanno rilevato estesi depositi di lastre di amianto anche frantumato e miscelato con materiale derivante da attività edilizia, pneumatici, parti di veicoli fuori uso, tubi di gomma, legname, suppellettili e materiale metallico riconducibile ad elettrodomestici.
La zona, gravemente degradata, è stata sottoposta a sequestro e delimitata per impedire l'accesso nell'area che, allo stato attuale, costituisce un grave pericolo per la salute pubblica.
Alle operazioni di sequestro ha assistito l'assessore ai Rifiuti e all'Ambiente del Comune di Messina, avv. Dafne Musolino, che è stata nominata custode giudiziaria dell'area.
Gli atti sono stati trasmessi alla Procura della Repubblica di Messina che procederà ai successivi adempimenti di legge.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione