Non ci fu lesione colposa, assolti due chirurghi a Messina

13 Marzo 2019 Cronaca di Messina

Il giudice monocratico Claudia Misale ha assolto con la formula «perché il fatto non sussiste» dall'accusa di lesioni colpose, i chirurghi Letterio Calbo e Antonina Catalfamo.

Questo nonostante l'accusa, in aula c'era il sostituto procuratore Rosanna Casabona, avesse chiesto per entrambi la condanna a sei mesi, ritenendo ampiamente provata la responsabilità dei sanitari sia sotto il profilo della condotta colposa sia per quel che riguardava il nesso causa-effetto. I due medici sono stati assistiti dagli avvocati Rina Frisenda e Valentino Gullino.

La vicenda, riportata dalla Gazzetta del Sud in edicola, parecchio datata e peraltro ancora affrontata in primo grado di giudizio, si riferiva ad un fatto accaduto nell'aprile del 2011 al Policlinico.

Dopo l'intervento di tirodectomia, una donna accusò secondo il capo d'imputazione la «paralisi della corda vocale destra con disfonia e tirage respiratorio», da cui «derivava un indebolimento permanente dell'organo della fonazione».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione