MESSINA: Questura, Enzo Coccoli promosso Primo dirigente

15 Marzo 2019 Cronaca di Messina

Nuove progressioni in carriera alla Questura di Messina. La più prestigiosa riguarda il dott. Enzo Coccoli, promosso Primo dirigente e quindi con la strada spianata verso una carriera da Questore. Insediato lo scorso luglio, il capo di gabinetto è stato ora promosso Primo dirigente della Polizia di Stato.

La notizia è arrivata ieri insieme alle sincere congratulazioni di colleghi ed amici. Una carriera densa, variegata, costellata di numerosi successi conseguiti tra la Sicilia, la Sardegna e la Calabria. Più di 25 anni di servizio spesi tra Uffici di Squadre Mobili e Commissariati distaccati, l’ultimo dei quali Taormina dove ha contribuito, in modo estremamente significativo, al buon esito del G7. Tante le indagini svolte, le bande criminali sgominate, i delinquenti assicurati alla giustizia, i servizi di ordine e sicurezza pubblica diretti brillantemente. Un importante e meritatissimo traguardo peraltro non isolato.

E’ quanto si legge in comunicato stampa della Polizia di Messina.

Si registrano anche altre due promozioni: quella a vice questore della Polizia di Stato del vice dirigente della Squadra Mobile, Carmelo Alba e quella a vice questore aggiunto della Dirigente dell’Ufficio Immigrazione, Anna Sammarro. Due funzionari validi, impegnati, professionali, in polizia rispettivamente da 14 anni il primo e 9 anni la seconda. Un’attività anche la loro ricca, multiforme, piena di soddisfazioni raccolte in diverse regioni italiane ed in altrettanti differenti settori di competenza.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione