ROMEO-SANTAPAOLA: INCHIESTA BETA 2, IN OTTO VERSO L’ABBREVIATO

15 Marzo 2019 Inchieste/Giudiziaria

Sono otto gli indagati dell'inchiesta Beta 2 dell'ottobre 2018 che ieri hanno chiesto e ottenuto di accedere al rito abbreviato. Si tratta di Giuseppe La Scala, Antonio e Salvatore Lipari, Maurizio Romeo, Salvatore Parlato, Vincenzo Romeo, il pentito Grasso e Nunzio Laganà. Oltre agli otto, finirono nell'inchiesta Eros Nastasi (la sua posizione è stata archiviata), Giovanni Marano, Michele Spina e Ivan Soraci. Per altri aspetti erano coinvolti Vincenzo Romeo e Sergio Chillè. L'unico che ha chiesto di essere giudicato con il rito ordinario è stato Michele Spina; per lui il processo prosegue con il troncone principale in corso di svolgimento davanti la Prima Sezione penale del Tribunale. Per Chillè la situazione è invece cambiata. Ieri il suo difensore, l'avvocato Enrico Trantino, ha sollevato una eccezione di incompetenza territoriale, perchè i fatti di cui è accusato si sono svolti a Roma. Il gip Marino su questa istanza si è ritirato in camera di consiglio ed ha accolto l'eccezione, quindi per Chillè (che deve rispondere di traffico di influenze illecite con l'aggravante di aver agevolato le attività dell'associazione mafiosa Romeo-Santapaola) ha disposto la separazione dal procedimento e l'invio di tutti gli atti che lo riguardano al tribunale di Roma per la celebrazione del processo. Chillè è un dipendente della Camera dei Deputati. 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione