Mafia a Barcellona, operazione “Gotha 4”: cinque condanne definitive – Nomi e foto

16 Marzo 2019 Inchieste/Giudiziaria

Diventa definitiva la condanna dei cinque imputati del processo relativo al troncone ordinario scaturito dall'operazione antimafia “Gotha IV”, scattata all'alba del 10 luglio 2013, che ha portato in carcere le nuove leve della famiglia mafiosa dei “Barcellonesi”.

I giudici della V Sezione della Corte di Cassazione - come riporta Leonardo Orlando sulla Gazzetta del Sud-Messina oggi in edicola -, hanno rigettato i ricorsi degli imputati, ritenendoli inammissibili, che erano stati presentati contro la sentenza emessa il 12 aprile del 2017 dalla Corte d'Appello di Messina, presieduta dal giudice Alfredo Sicuro.

La conferma, alla pena più alta, è stata per l'ex imprenditore Francesco Aliberti64 anni, condannato a 12 anni di reclusione. Aliberti, è stato considerato, infatti, il promotore di un nuovo gruppo di fiancheggiatori della mafia “Barcellonese” che assicurava il sostentamento ai detenuti arrestati.

Le altre conferme di condanne hanno riguardato: il killer Carmelo Giambò, 47 anni, condannato a 11 anni di reclusione e ad una multa di 4.500 euro; un altro giovane sicario Carmelo Maio, 26 anni, condannato a 5 anni e 6 mesi di reclusione e 9.000 euro di multa; Sebastiano De Pasquale, residente a Rodì Milici, cugino di Maio, condannato soltanto per il riciclaggio di uno scooter alla pena di 2 anni e 6 mesi di reclusione e 800 euro di multa; e Salvatore Treccarichi, 55 anni, originario di Cesarò e residente a Rometta, a 2 anni di reclusione.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione