Milazzo, diossina in grasso suini neri: sequestrati allevamento e prodotti

17 Marzo 2019 Cronaca di Messina

Il dipartimento veterinario dell’Azienda sanitaria di Messina ha trovato diossina nel grasso di alcuni suini neri di un allevamento del centro mamertino, dove i maiali si muovevano liberamente fra buste di plastica e rifiuti vari, assieme agli ovini e ai bovini, nei pressi dell’industria petrolifera e del Ccr comunale. E’ scattato, quindi il sequestro dell’intero allevamento; i sanitari hanno proceduto al sequestro di alcuni campioni di latte, formaggi e verdure prodotti nella stessa area. I campioni provenienti da dieci animali sono stati, già, inviati a Teramo dove opera un centro nazionale di riferimento per approfondire le analisi e capire la provenienza della eventuale contaminazione visto che i maiali venivano lasciati allo stato brado.

L’Asp ha notificato ai proprietari il sequestro dell’azienda, vietando la macellazione e la vendita dei prodotti del caseificio adiacente l’area presa in esame. In passato, la segnalazione di maialini neri, allo stato brado, era stata fatta sui social con allegate foto dei suini fra buste di plastica e rifiuti di vario genere, da alcuni residenti della piana mamertina.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione