4 rapine in un pomeriggio, arrestati dalla polizia

22 Marzo 2019 Cronaca di Messina

Quattro rapine due consumate e due tentate perpetrate nella stessa giornata a distanza di mezz’ora l’una dell’altra da tre individui: avveniva lo scorso due febbraio.

A finire nel mirino della banda 4 supermercati della provincia: due di Barcellona P.G., uno di Furnari, l’ultimo di Torregrotta.

Stesso il copione e medesimi i ruoli dei complici. Uno, l’esecutore materiale, irrompeva a volto scoperto abbigliato sempre allo stesso modo con una pistola con la quale minacciava gli venisse consegnato il denaro in cassa. Gli altri stavano ad attenderlo fuori su un’Alfa Romeo 147 grigia per agevolargli la fuga e passare velocemente all’obiettivo successivo.

Due colpi non andavano a buon fine per semplice casualità, lo svenimento della cassiera, in un caso, la prontezza di alcuni commessi, in un altro.

Immediate le indagini dei poliziotti del Commissariato di Barcellona P.G. che coordinate dalla locale Procura ricostruiscono nel dettaglio quanto accaduto nel pomeriggio di quel giorno. Si acquisiscono le immagini dei sistemi di videosorveglianza presenti nei luoghi, si ascoltano vittime e testimoni, si intensificano i controlli sul territorio alla ricerca dell’autovettura in uso ai tre criminali.

La si individua a distanza di 4 giorni ferma su una pubblica via della città del Longano. Stesso modello, stessa targa, stesso colore, stesse peculiarità evidenziate dall’attenta visione delle registrazioni.  Si risale al proprietario già sospettato insieme agli altri autori dagli investigatori che messo alle strette racconta tutto. A riscontro della sua narrazione si analizzano i tabulati telefonici dei cellulari dei membri del gruppo oltre che le celle agganciate da quelle utenze.   Cuttone Massimo barcellonese di 24 anni proprietario della macchina è colui addetto alla guida; al suo fianco Munafò Antonio, venticinquenne milazzese, con il primo attende, non poco distante dagli esercizi commerciali, oggetto del progetto criminale, l’ultimo componente, Alfano Gabriele messinese, anni 24, già in carcere per altre rapine consumate nel capoluogo di provincia. E’ lui che concretamente realizza  i 4 episodi delittuosi.

Stamattina a conclusione di un’attività investigativa rapida ed intensa sono state eseguite dai poliziotti le tre misure cautelari ritenute idonee e proporzionate alla singola responsabilità dei correi: Munafò e Cuttone finiscono agli arresti domiciliari, Alfano, invece, anche per questi episodi rimarrà in carcere.

 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione