Messina: botte anche alla moglie incinta, misure cautelari contro due mariti violenti

22 Marzo 2019 Cronaca di Messina

Due donne e due storie diverse ma con un elemento comune: violenza e sopraffazione subite per anni da un marito prevaricatore. Entrambe trovano il coraggio di denunciare i congiunti permettendo così l’avvio di immediate indagini da parte dei poliziotti delle Volanti sotto la direzione ed il coordinamento della Procura della Repubblica del locale Tribunale.

Nel primo caso occorrono quarant’anni affinché lei decida di chiedere aiuto. Lo fa lo scorso ottobre dopo essere stata messa alla porta e lasciata a trascorrere la notte fuori casa. Racconterà in lacrime ai poliziotti quanto subito: i primi schiaffi durante il fidanzamento, poi gli insulti, le angherie. “Non vali niente; è colpa tua se ti punisco” – le ripeteva. Un’escalation di violenza culminata in improvvise aggressioni tra le mura domestiche.

Anche nel secondo caso gli schiaffi e i calci arrivavano senza preavviso e per futili motivi. Alla seconda vittima le botte non sono state risparmiate neanche in gravidanza. In questo caso è stata lei a lasciarlo sperando di poter mettere fine all’incubo ma non è andata così. L’uomo da marito violento si è trasformato in stalker perseguitando la donna con messaggi, appostamenti, telefonate rivolte a lei e a chi le stava vicino.

Scattata la misura degli arresti domiciliari nel primo caso; del divieto di avvicinamento nel secondo. Ad eseguire le misure i poliziotti delle Volanti.

 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione