La Polizia arresta il titolare di un panificio per furto di energia elettrica

23 Marzo 2019 Cronaca di Messina

Aveva collegato quattro cavi abusivi alla linea della rete elettrica della pubblica via, danneggiandone il materiale isolante. Il protagonista della vicenda, un messinese di 53 anni, titolare di un panificio messinese, non era nuovo a simili condotte. Nel 2014 era stato infatti già denunciato per fatti analoghi.

Ieri, i poliziotti delle Volanti hanno effettuato un controllo presso l’esercizio commerciale appurando, con l’ausilio di personale Enel, come l’uomo fosse riuscito ad “abbattere” i costi del consumo di luce: forno, cella frigo e luci nel locale funzionanti a pieno ritmo con un contatore disattivato. I poliziotti hanno proceduto all’arresto del titolare del panificio per il reato di furto di energia elettrica ai danni dell’E-Distribuzione e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, lo hanno sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di rito direttissimo previsto per la giornata odierna.

Le verifiche effettuate grazie alla collaborazione della Sezione Annona della Polizia Municipale e dei tecnici alimentari del Servizio Igiene Alimenti e Nutrienti hanno inoltre fatto emergere l’assenza di autorizzazioni a svolgere l’attività in questione, nonché condizioni igienico sanitarie del tutto inadeguate. Riscontrata pure la presenza di ratti. In attesa di ulteriori provvedimenti, si è pertanto proceduto ad elevare sanzioni pari a circa 16.000,00 euro.

Nella stessa giornata, i poliziotti hanno effettuato controlli presso altre attività commerciali della zona sud della città riscontrando anomalie e violazioni a quanto previsto dalla normativa, irrogando complessivamente sanzioni per 23.821,00 euro.

 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione