Un laureato UNIME all’ONU torna in Ateneo per parlare di cambiamenti climatici

25 Marzo 2019 Culture

Mercoledì 27 marzo, presso il Dipartimento di Giurisprudenza alle ore 15.30, si svolgerà un seminario di studi dal titolo “Climate Change: Ultima chiamata per il Pianeta Terra”. L’iniziativa, che sarà introdotta dalla prof.ssa Marcella Distefano, rappresenterà una bella occasione di confronto sia per l’attualità del tema che per le prospettive di carriera, nelle organizzazioni internazionali, dei nostri giovani laureati.

A parlare di cambiamenti climatici sarà, infatti, il dott. Andrea Rizzo giovane laureato messinese che ha vinto recentemente il JPO del MAE.

Laureatosi, con il massimo dei voti, presso la l’ex Facoltà di Giurisprudenza del nostro Ateneo (nel 2012), dopo aver conseguito un Master al SOAS di Londra ed aver lavorato presso agenzie ONU ed europee, ha recentemente iniziato un percorso di carriera presso il Quartier generale del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (UN Environment) a Nairobi in Kenya, come parte del programma JPO finanziato dal Ministero degli Affari Esteri. A partire da novembre dell’anno scorso, il dott. Rizzo ricopre il ruolo di Strategic Planning Officer presso la Policy & Programme Division. In tale funzione, contribuisce alla programmazione strategica dell’Organizzazione per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile che fanno parte dell’Agenda 2030, partecipando ai relativi negoziati internazionali e al processo di adozione di risoluzioni che impongono obblighi di protezione dell’ambiente agli Stati Membri.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione