“La Notte della Taranta”: musica e danza della pizzica al Palacultura di Messina il 28 marzo

26 Marzo 2019 Culture

Dieci musicisti e due danzatori saranno i protagonisti de “La Notte della Taranta” sul palcoscenico del Palacultura di Messinagiovedì 28 marzo per l’unica tappa siciliana del tour che vede l’Orchestra popolare del noto Festival girare l’Italia, portando un’energia unica e coinvolgente, capace di far “saltare dalle poltrone” fin dai primi brani, grazie a caratterizzazioni musicali esclusive della tradizione pugliese e con un’animazione da parte dei ballerini che scenderanno in platea per far ballare il pubblico. L’Orchestra è il simbolo della rinascita della cultura popolare contemporanea del Salento e ambasciatrice di suoni ancestrali: ha fatto conoscere nel mondo la pizzica, una forma di musica tipica salentina che attraverso il suo ritmo frenetico scandito dal tamburello, secondo la credenza popolare, curava il morso della taranta, il mitico e leggendario ragno. A determinare il successo internazionale è stato il festival che ogni anno, dopo un viaggio itinerante in 19 comuni del Salento, approda nel Concertone di Melpignano capace di far ballare in piazza 200mila persone.
Il sound unico e inconfondibile dell’Orchestra, l’affascinante narrazione tra tradizione e modernità sono i tratti peculiari di una band che continua la sua ricerca musicale attraverso la contaminazione con gli altri generi musicali. A Messina la formazione sarà diretta dal maestroDaniele Durante e si esibiranno: Stefania Morciano (voce), Giancarlo Paglialunga (voce e tamburello), Roberto Chiga (tamburello), Roberto Gemma (fisarmonica), Antonio Marra (batteria), Nico Berardi (fiati), Valerio Bruno (basso), Gianluca Longo (mandola), Attilio Turrisi (chitarra battente) e i ballerini di pizzica Cristina Frassanio e Andrea Caracuta. Lo spettacolo a Messina è organizzato da Dario Grasso di Euphonya Management;

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione