50 anni di sacerdozio per padre Alessandrà: il 18 l’ultima Messa, celebrata con Papa Francesco

28 Marzo 2019 Cronaca di Messina

Padre Salvatore Alessandrà, da 29 anni Cappellano della Casa Circondariale di Messina, ha celebrato le sue Nozze d’oro sacerdotali, essendo stato ordinato sacerdote l’8 agosto 1968 dall’Arcivescovo Francesco Fasola. E’stato segretario particolare dell’Arcivescovo Ignazio Cannavò dal 1978 fino al termine della sua vita terrena. Ha celebrato l’Eucaristia nelle parrocchie dove è stato parroco ed in altre chiese invitato dai confratelli sacerdoti.

Ha concluso le celebrazioni  Lunedì 18 marzo scorso, avendo avuto la gioia di celebrare la S. Messa con il Santo Padre Francesco nella cappella della Domus Santa Marta. Erano diversi i sacerdoti presenti e, tra lì’altro, padre Alessandrà è stato scelto a proclamare il Vangelo che ha comportato la richiesta della benedizione al Papa. Dopo la celebrazione eucaristica il Papa si è intrattenuto con i presenti ed a padre Salvatore ha chiesto quale servizio svolge in diocesi. “Da 29 anni sono cappellano del carcere” ha risposto. Ed il Papa di rimando: “Grazie, grazie per quello che fai. E’ un compito importante e delicato. Grazie”. Dopo aver consegnato il libro scritto per il 25° su padre Annibale ed il Rogate, padre Salvatore ha presentato al Papa una pergamena da lui stesso scritta dove ha chiesto una benedizione apostolica particolare per i detenuti, per quanti lavorano a diverso titolo nel pianeta carcere e per quanti incontra nel suo molteplice ministero sacerdotale.

 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione