LA SENTENZA – Morte di Tonino Currò: la famiglia sarà risarcita

28 Marzo 2019 Inchieste/Giudiziaria

La famiglia di Tonino Currò dovrà essere risarcita. Lo ha stabilito il giudice civile di Messina (presidente Mirenna), mettendo fine ad una causa che andava avanti da 14 anni, ed a 18 anni dalla morte del giovanissimo tifoso del Messina, ucciso da una bomba carta mentre si trovava allo stadio, il 17 giugno del 2001.

Il Tribunale ha così accolto la richiesta del legale della famiglia Currò, l’avvocato Giuseppe Laface, ed ha stabilito che a pagare saranno la Lega Calcio, responsabile dell’organizzazione della partita contro il Catania,l’Fc Peloro, che aveva in gestione l’impianto, e il Comune di Messina, “titolare” del Celeste.

E’ stato quindi stabilito che la morte del ragazzo poteva essere evitato, se i sistemi di sicurezza dello stadio fossero stati adeguati. Allo stadio all’epoca esisteva soltanto una barriera alta sei metri, realizzata dalla società così come previsto dalla Commissione prefettizia di sicurezza e vigilanza. Assolutamente inadeguata.

Infatti non è bastata ad evitare che la bomba carta lanciata da un ultrà del non centrasse Tonino, uccidendolo. Il ventitreenne spirò dopo due settimane di coma. Eppure già allora esistevano ed erano stati altrove istallati sistemi più sicuri, come la così detta gabbia.

In sede penale l’indagine sulla morte del tifoso, cui è stata intitolata la curva sud dello stadio, è stata archiviata. Non è stato infatti possibile individuare con certezza l’identità di chi lanciò la bomba carta.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione