Diritti Umani, gli avvocati messinesi salgono in cattedra

9 Aprile 2019 Culture

Messina esempio virtuoso di integrazione e di difesa dei diritti umani. Gli avvocati messinesi salgono in cattedra e raccontano la loro esperienza al consorzio universitario di Agrigento agli studenti del corso di laurea triennale in mediazione linguistica organizzato dalla scuola di mediazione Agora Mundi. In aula il gruppo di avvocati del corso di alta formazione in diritto all’ immigrazione guidati dal segretario dell’ Ordine degli avvocati di Messina Giovanni Villari. Ad accompagnarlo i colleghi Carmen Agnello e Andrea Melita. Durante il confronto con gli studenti sono state illustrate le principali tappe raggiunte dagli avvocati messinesi: dalle trasferte a Lampedusa al centro di accoglienza, al corso tenuto a Riace considerato modello di accoglienza, al viaggio in Tunisia dove i professionisti hanno collaborato alla rinascita di un albergo coinvolto in un attentato terroristico. Gli avvocati in prima linea nella difesa dei diritti dei migranti. Proprio recentemente il tribunale di Messina, ha raccontato l’ avvocato Villari, ha concesso la protezione umanitaria internazionale ad un giovane africano perseguitato nel suo paese in quanto omosessuale.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione