MESSINA: LA MORTE DI CARMELO DODDIS. DOMANI POMERIGGIO L’AUTOPSIA

10 Aprile 2019 Inchieste/Giudiziaria

Il sostituto procuratore Rossana Casabona, titolare del fascicolo sulla morte di Carmelo Doddis, il cinquantacinquenne deceduto venerdì scorso mentre era in fila allo sportello Anagrafe di Palazzo Zanca, ha conferito l’incarico al dott. Antonio Messina, che domani pomeriggio all’obitorio del Policlinico effettuerà l’autopsia sul corpo dell’uomo.

La Procura aveva già provveduto a notificare al medico del 118 A. B., che per primo aveva visitato l’uomo, un avviso di garanzia con l’accusa di omicidio colposo (un atto dovuto l’iscrizione del medico, per permettergli di partecipare agli esami tecnici irripetibili, come appunto l’autopsia di domani, con l’ausilio del difensore, l’avv. Carmelo Vinci e del dott. Alessio Asmundo)

A chiedere che si faccia luce su tutta la tragica vicenda i parenti dell’uomo assistiti dal legale di fiducia, l’avvocato Nino Cacia, che nei giorni scorsi aveva presentato una dettagliata denuncia ai carabinieri, e dalla dottoressa Elvira Ventura Spagnolo.

Doddis era stato male intorno alle 8 di quella mattina, in casa, a Tremonti. Aveva chiamato il 118 e il personale lo aveva portato al Mandalari, dove i sanitari lo avevano rassicurato: aveva accusato un semplice attacco d’ansia.

Da lì, quindi, si era diretto verso il Comune, dove aveva dei documenti da ritirare. Mentre era in fila è però stramazzato a terra. Inutili i tentativi di rianimarlo.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione